Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Maria SS. di Costantinopoli: Il Falò con la Cima-armonica_Foto

Fanve de_la_Madonne_12_marzo_2013

 

Grande partecipazione ieri sera in piazza dei Martiri per il tradizionale falò in onore di Maria SS. di Costantinopoli a conclusione dell’ottavario dedicato alla protettrice della nostra città.

La Fanòve della Madonna è stata per il terzo anno consecutivo riproposta dal Comitato Feste Patronali in centro sulla discesa antistante la Cattedrale per recuperare il carattere religioso della festa. A pochi passi dalla Torre dell’Orologio e da Palazzo De Mari è stata realizzata una piccola catasta a forma di tronco di cono, con fascine e tronchi di alberi.

Confermato anche per quest’anno l’impegno e la sinergia con la Pro Loco Curtomartino a cui è stato affidato il compito di curare l’allestimento e la decorazione della cima-cima in collaborazione con il Comitato Feste, il  Centro Diurno terapeutico riabilitativo "Auxilium" e l'IISS R. Luxemburg.

Durante la mattinata gli alunni delle classi terze dei due Circoli Didattici De Amicis e Collodi hanno raggiunto con le loro insegnanti il Palazzo Vescovile per consegnare disegni, poesie e preghiere alla Madonna che sono stati inseriti all’interno della cima-cima accanto a spighe di grano, fiori di carta e festoni colorati. L’ebanista Michelangelo Tritto ha realizzato quest’anno un cima-cima diversa, fuori dalla tradizione ma densa di significato a forma di Cassarmonica “la Cima-armonica”.

Nel pomeriggio è la Cima-cima con l’immagina di Maria SS. di Costantinopoli ha percorso alcune vie della città per raccogliere ulteriori doni in natura. Sistemata la cima-cima sulla Fanove, al termine dell’ultima messa subito dopo i fuochi d’artificio dal palazzo vescovile è stato acceso il Falò. Il fuoco è stato appiccato in più punti, ha iniziato a bruciare le fascine centrali passando poi ai tronchi fino a far prima inclinare e poi cadere dopo circa un’oretta la Cima-armonica in direzione di Santeramo in Colle.

La tradizionale “Fanòve” è stata contornata dalla presenza di bancarelle, il Centro Granelli di Senape di Via Fani ha raccolto fondi per attività ludico-ricreative vendendo panzerotti fritti, la Pro Loco ha invece offerto vin brulé. La festa ha visto il servizio d’ordine della locale delegazione della CRI.

 

Fotogallery 

Commenti  

 
#1 achille signorile 2013-03-15 20:18
Una tradizione contadina vuole che a seconda il lato di caduta della cima-cima incendiata, il raccolto sarà più o meno abbondante. Ho visto che la cima-cima è caduta inequivocabilme nte verso ovest: il comitato Feste mi sa dire quali auspici ne hanno tratto i nostri contadini?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI