Martedì 13 Novembre 2018
   
Text Size

"Mi hanno logorato fino a farmi cadere..."_in edicola

La Voce_del_Paese_Anno_V_n._2

 

"La Voce del Paese", il nostro settimanale cartaceo in edicola ogni venerdì.

Mi hanno_logorato_fino_a_farmi_cadere

 

“Mi hanno logorato fino a farmi cadere…”

 

 

 

“Questi due anni e otto mesi vanno raccontati alla città,

anche per capire le reali dinamiche che hanno portato a tutto questo”.

 

IN ESCLUSIVA:  

 INTERVISTA ALL'EX SINDACO DI ACQUAVIVA DELLE FONTI 

FRANCESCO SQUICCIARINI

 

 

Tra gli articoli di questo numero:

 

 

Di Vietri: “poste basi per una futura alleanza tra PD, SEL e UDC”

 

                                     “Chi vuole il cambiamento, lo cominci”
                           La Centri-Fuga

  

Ultimi eventi politici, la riflessione di un nostro lettore

 

 

INCHIESTA-APPROFONDIMENTO:

 Cosa è cambiato da dicembre 2010 ad oggi?

 

 
Attacco alle Palme in città

 Intervista al Dott. Francesco Signorile 

 

 

Scuola: le iscrizioni, un momento importante

Orientamento e Open Day ad Acquaviva

 

“A Roma ho respirato aria di Chiesa Universale”

La testimonianza del diacono Michele Lorusso accanto a papa Benedetto XVI 

 

 

 Politica, Attualità, Cultura, Appuntamenti

Giochi, Meteo, Oroscopo e curiosità.... e tanto altro ancora, a solo 1 Euro.

 

 

Commenti  

 
#22 Giacinto P. 2013-01-19 00:04
Ma come mai nessuno parla di gente come l'ing. Giorgio che da anni ormai sta in politica?
 
 
#21 Posa Eustacchio 2013-01-16 23:42
Nell'intervista a telemaig il nervosismo di Maurizio si tagliava a fette, anzi più che nervosismo era rabbia.... era incazzato, incazzatissimo. .. perché? La maggioranza ha deciso così, Maurizio perchè non accetta il giudizio democratico?. La storia politica di Acquaviva insegna che da almeno 20 anni egli fa parte di un gruppo che ha portato solo guai alla città. Non c'è niente da fare ...più volte ha governato e ha sempre fallito e quel che è peggio è che ha fallito cercando di ingannare gli elettori ed i cittadini... ma ciò che non sopporta è che non è stato capace di prevedere l'azione di Tria, Morano e Caporusso ed ha consigliato male Squicciarini... gli ha consigliato di fare il gioco duro ... e si sono rotti la testa.
 
 
#20 nessundorma 2013-01-16 17:58
sindaco squicciarini ma non prova vergogna a rispondere al consigliere morano tramite un post di un sito? ma non le pare il caso di lasciare la fascia di sindaco che proprio non le si addice? ma si ricostruisca una vita. lasci fare il sindaco a qualcunaltro. nessuno peggio di lei nemmeno pistilli. almeno aveva stile!
 
 
#19 Michele 2013-01-15 23:35
come non si può essere d'accordo con quello che dice Mortounpappa ? sono parole sacrosante e questa realtà ormai la vedono tutti .... lo hanno capito tutti. Pistilli era pronto a tradire il suo programma pur di fare il Sindaco ed impostò la sua azione politica in ossequio al gruppo Laera, Maurizio, Mastrorocco e... non ultimo non dimentichiamo Solazzo... qualcuno se lo ricorda? I danni fatti da Pistilli alla città sono sotto gli occhi di tutti e Squicciarini non ha voluto essere da meno.
 
 
#18 nico tria 2013-01-15 19:53
Caro Tonino tu la considerazione l'hai fatta eccome. Altrimenti cosa avresti scritto e che scrivi a fare.... per sport?? Quel dito che dici tu indica bene ciò che volevi dire ed io ti ribadisco con più convinzione quello che ho detto, smentendo la tua ipotesi (o considerazione, se più ti piace). Ne' la dott.sa Morano mi smentisce, anzi... avvalora di più la mia convinzione e quello che ho detto.
 
 
#17 Eh già! 2013-01-15 17:32
@Imma Morano scrive:''Ma poi la Sig.ra Morano si chiede...come il Sig.Squicciarin i ha potuto nel maggio del 2010 chiedere alla Sig.ra Morano che godeva, a suo odierno dire, di diffusa diffidenza...di fare l'Assessore nella sua Giunta?
Ma la Sig.ra Morano ha rifiutato la poltrona preferendo fare la Consigliera.''O vvio, sig.ra Morano che abbia rifiutato la poltrona!In qualità di assessore avrebbe corso il rischio di essere 'mandata a casa' in ogni momento con un ritiro di delega,come consigliere invece NO!
 
 
#16 pappa e ciccia 2013-01-15 16:08
mortounpapa ha colto nel segno!!!
 
 
#15 Mortounpappa 2013-01-15 13:26
Non sono d'accordo nell'accomunare squicciarini a d'ambrosio o nettis. squicciarini racconta balle spaventose da prima di essere eletto, lui non è vittima degli azzeccagarbugli ma ne è complice. Se proprio dobbiamo scomodare un ex sindaco direi che squicciarini è molto più simile a pistilli di quanto noi acquavivesi potessimo mai temere. I due franco fanno le vittime, fanno i ricorsi, sono sempre sul punto di rilanciare acquaviva senza farlo mai, raccontano frottole a tutti, sono amici degli amici degli avvocati e... anche sul piano personale fanno le stesse scelte. sono la stessa moneta bucata!
 
 
#14 Buon senso 2013-01-15 11:21
Scusi Ing. Francesco Squicciarini se non si fidava della dott.sa Morano (con cui ha condiviso l'esperienza di consigliere comunale) come mai l'ha inserita nella sua lista del PD, visto che lei era segretario del PD e candiato sindaco? Le servivano i suoi voti? E se la temeva come mai si è ostinato a mantenere la maggioranza ad 11? E' stato mal consigliato dai suoi amici Carlo, Angelo e Costantino che temevano l'allargamento?
Questa mancata risolutezza nel risolvere le difficoltaà l'hanno mandata a casa.
Ing. Squicciarini l'ammettere le sue numerose colpe (politiche ed amministrative) possono in parte rabbonire i suoi elettori.
N.B.: Ma che senso ha il ricorso alle firme se la volontà politica dei consiglieri è chiara?
PROVI A CHIEDERE ALLA GENTE COSA PENSA DELLA SUA AMMINISTRAZIONE!!!
BASTAAAA!!!
 
 
#13 tonino santamaria 2013-01-15 09:55
Caro Nico, io non ho fatto considerazioni e tra l'altro, la risposta al sindaco, da parte della dott.ssa Morano ti contraddice in pieno. Non guardare al dito ma alla luna che il dito indica.
 
 
#12 Acquavivese puro 2013-01-15 08:19
Invertendo l'ordine dei fattori, il prodotto non cambia, recita una regola matematica che possiamo ben applicare a quanto accade nei vari consigli comunali ad Acquaviva.
Consiglieri dal cambio di casacca per propri interessi o interessi di famiglia, giocolieri e funeamboli di ieri, di oggi e speriamo non di domani che ammorbano la nostra comunità sempre pronti a sposare la causa dell'interesse proprio in barba a quello che succede alla città. Sono questi i problemi di Acquaviva che oggi hanno il nome di Squicciarini, ma in passato hanno avuto quello di Nicola D'Ambrosio, Pino Nettis ecc. cosa succede? Sono tutti imbecilli o c'è qualcosa che non si vede ma che è in grado di amministrare questa città? Penso che bisognerebbe guardare molto bene a voler essere ancora acquavivesi se non si ha il coraggio di invertire veramente la rotta, rompendo la schiena a questi 4 azzecacarbugli che ci fanno nuotare nel fango.
 
 
#11 Imma Morano 2013-01-15 00:00
Solo per dire al Sig. Squicciarini che la sua odierna versione dei fatti in merito alla Presidenza del Consiglio non corrisponde a quella da egli sempre raccontata, nè a quella che hanno raccontato tanti componenti dell'ex maggioranza. Inoltre,nella sua odierna versione non si spiega il perchè la Presidenza non sia rimasta una carica in capo al PD...ma sia poi stata affidata da LEI, senza averla proposta preliminarmente a nessun consigliere di maggioranza, ad un rappresentante dell'IDV.
Ma poi la Sig.ra Morano si chiede...come il Sig.Squicciarin i ha potuto nel maggio del 2010 chiedere alla Sig.ra Morano che godeva, a suo odierno dire, di diffusa diffidenza...di fare l'Assessore nella sua Giunta?
Ma la Sig.ra Morano ha rifiutato la poltrona preferendo fare la Consigliera. Caro Sig. Squicciarini,co mprendo il suo stato d'animo ed infatti la scuso perchè si legge lontano un miglio che scrive con livore, probabilmente coltiva inutili risentimenti e rancori personali. Non giustifico però, perchè ha sempre potuto contare sul mio sostegno e sulla mia lealtà, non lo ha saputo apprezzare. Non sono un buon suddito forse e non so obbedire ai comandi sbagliati.
Quanto ala ricostruzione della mia assenza in quella seduta di Consiglio del 2009..peccato non ci si ricordi di citare la mia comunicazione in merito... oltre che quel coordinamento chiarificatore nel Pd quando ne era il Segretario. Strano..molto strano che vengano scritte in queste ore certe cose. Ma capisco solo oggi Chi e Perchè alimentava la leggenda paesana.


Alla commentatrice @Lucia Resta la semplice comunicazione di aver dato mandato per l'individuazion e di estremi di querela nei suoi confronti.
 
 
#10 nico tria 2013-01-14 21:27
A Tonino Santamaria dico che la sua considerazione è priva di fondamento. Se fosse stato come dice lui, sarebbe "caduto" molto prima di adesso in occasione delle altre innumerevoli situazioni di crisi. Per giunta credo che il ns appoggio "senza se e senza ma" ci sia sempre stato unitamente a collaborazione e proposte (nonostante le forti criticità). E' invece davvero singolare e ridicola (in dialetto si dice che è una "falletta") la giustificazione che tira fuori oggi il Sindaco. Se fosse davvero così, allora quella carica sarebbe comunque rimasta in quota al PD (come da accordi politici) ad un altro consigliere dello stesso PD. Perchè poi si è trovato l'IDV a beneficiarne? Il Sindaco mente sapendo di mentire, con una giustificazione alquanto meschina, anche perchè ci ha sempre riferito che aveva avuto non la "diffidenza" ma il VETO sulla dott.sa Morano dagli ex DS del PD. Allora o mentiva prima o mente adesso o..... mente sempre.......
 
 
#9 caproni 2013-01-14 18:24
ex Sindaco, ma a cosa servono tutti questi sfoghi postumi????? Può farci la cortesia di ritirarsi a vita privata??? poi ci deve anche spiegare la questione del ricorso...ma che senso ha??? e chi pagherà le spese legali??? si rassegni... E' FINITA!!!!
 
 
#8 riccardo 2013-01-14 18:12
Scusami Squicciarini, ma se non ti fidavi già da allora della Morano, perchè hai nominato Demarinis assessore. Non mi dire per il suo passato politico, perchè di amministrazioni ne ha fatte e senza alcun risultato.Ma la Morano si era dimessa da capogruppo, capendo che ormai si stava allontanando dal PD,perchè l'avete riconfermata? perchè viene premiato chi sputa veleno nel piatto dove mangia?Squiccia rini, ma hai dimenticato cosa scriveva nel blog, Demarinis?ma allora te la sei cercata!!
 
 
#7 FrancescoSquicciarin 2013-01-14 16:03
Perdonatemi se lo faccio solo con un commento ma avverto forte il dovere di una precisazione e di un chiarimento alla sig.ra Morano in merito alle dinamiche che hanno portato alla individuazione del Presidente del Consiglio. In quella occasione non ho ricevuto alcuna pressione, ma ho invece dovuto registrare un dato oggettivo da cui non ho potuto prescindere: nessuno aveva fiducia nella persona della consigliera Morano. E spiego anche il motivo: in occasione del consiglio comunale in cui venne sfiduciato il sindaco Pistilli (2009), la sig.ra Morano non era presente in aula e risultava irreperibile. La sua assenza avrebbe potuto difatti impedire la sfiducia del sindaco Pistilli se non si fosse aggiunto un altro consigliere dell'allora maggioranza. Quel consiglio sancì la fine dell'amministra zione Pistilli nonostante l'assenza della consigliera Morano. Il comportamento assunto in quella occasione da parte della consigliera Morano ha determinato, nei suoi confronti, diffusa diffidenza che mi venne rappresentata dai consiglieri della mia maggioranza allorquando proposi il suo nome come Presidente del Consiglio. Appare quindi evidente come non ci fossero le condizioni per individuare la consigliera Morano quale Presidente del Consiglio. Se subalternità c'è stata, è stata quella di tanti rispetto alla propria coscienza e, quindi, alla impossibilità di riconoscere, alla consigliera, la carica istituzionale di Presidente del Consiglio.
 
 
#6 Lucia Resta 2013-01-14 13:30
Quindi Imma Morano tradotto: oltre alla MENSA SCOLASTICA volevi ANCHE LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO?
 
 
#5 Imma Morano 2013-01-14 12:01
Scusatemi fin d'ora del mio lungo commento ma il commento di @tonino santamaria mi offre lo spunto per scrive re alcune cose che certo nei prossimi tempi si avrà modo di sviluppare meglio...
In quella occasione il Sindaco ha solo palesato una subalternità a pressioni ben lontane dalla politica, acconsentendo alle dinamiche malate che spesso quelli che si chiamano uomini dei partiti sanno mettere in moto.
La sottoscritta si è dimessa da un ruolo pubblico nella maturata convinzione che, nonostante ogni sforzo compiuto per raddrizzare la barca(sforzo testimoniabile con carte alla mano!)l'ultima trovata di Squicciarini fosse il triste epilogo di un governo del paese inefficiente quanto inefficace(in cui spesso gli impulsi migliorativi venivano volutamente resi impraticabili ) e che, purtroppo, non poteva portare a nulla perchè basata sul nulla.
Ben lontani da speculazioni, tentativi di delegittimazion e ed allusioni, bisognerebbe chiedersi perchè Squicciarini definisce "difetti di comunicazione" quei basilari elementi di democrazia che rendono ad un consigliere comunale esercitabile il proprio ruolo di indirizzo e controllo senza dover essere guardato in cagnesco e tacciato di essere un sovversivo. E continuare , a mio modesto avviso, soffermarsi sui dati oggettivi di questi quasi tre anni di amministrazione che da un lato sono legati al doversi interrogare se ci si fosse assicurati che esistesse una maggioranza(e quale?) disponibile a sostenerlo e dall'altro quanti consigli e quante giunte celebrati? in tutto quante e quali delibere? Il resto..oltre ad essere noia è ipocrisia allo stato puro, è attacamento al potere in quanto tale. Ma il potere è nulla senza controllo. Nella mia breve esperienza ho dimostrato in tante circostanze di sapermi mettere da parte anche quando questo veniva volutamente fatto per mortificare solamente la mia persona...per non parlare delle illazioni e delle volontà di infangarmi in ogni modo. Ho fatto scorrerere tutto perchè il tempo, e solo quello, è galantuomo. Le basi da mettere non erano dunque quelle dei "rapporti personali" ma erano le basi solide fatte di principi e metodi da applicarsi in una maggioranza ed in una amministrazione che si volessero solidi e duraturi.
 
 
#4 tonino santamaria 2013-01-12 11:43
".........a quel punto io ho chiesto personalmente al consigliere Angelo Maurizio di fare il Presidente del Consiglio...... .". Forse, con questa sua autonoma decisione,il sindaco Squicciarini ha posto le basi, da subito, per quello che è successo nel suo partito (PD) e nei rapporti con i consiglieri Tria e Morano che poi lo hanno fatto "cadere".
 
 
#3 contribuente onesto 2013-01-11 18:53
e pensare che c'aveva addirittura mire politiche ben più elevate... se si è lasciato logorare da una situazione simile non oso pensare a quale possibile effetto avrebbe potuto avere su di lei un ben più "alto" incarico...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI