Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

DAL COMUNE UNA INFORMATIVA SUI CANI

cani

 

Il Commissario straordinario del Comune di Acquaviva, dott.sa Maria Filomena Dabbicco, ha emesso una informativa sulle norme che regolano la proprietà e la detenzione dei cani. La pubblichiamo integralmente.

 

Il commissario straordinario del Comune di Acquaviva delle Fonti
Vista la legge 14 agosto 1991, n. 281, concernente “Legge quadro in materia di animali da affezione e prevenzione del randagismo”;

Vista la legge regionale 12 aprile 1995, n. 12 e successive modifiche, attuativa della legge quadro 281/91;


Vista l’ORDINANZA del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali 6 Agosto 2008, concernente misure per l’identificazione e la registrazione della popolazione canina;


Vista l’ORDINANZA del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali 16 luglio 2009, recante misure per garantire la tutela ed il benessere degli animali;

I N F O R M A

 Che la diffusione della cultura del possesso responsabile è un elemento essenziale per la lotta al randagismo, pertanto il proprietario e/o detentore a qualsiasi titolo del cane è obbligato a provvedere:
1.    All’identificazione e alla registrazione dei cani nell’anagrafe canina del Comune presso la Asl competente, in conformità alle disposizioni adottate dalla regione e all’Ordinanza del 6 agosto 2008 del Ministero del Lavoro, della Salute e delle politiche sociali;


2.   A far identificare e registrare l’animale nel secondo mese di vita, mentre i proprietari e/o detentori di cani già identificati ma non ancora registrati sono tenuti a provvedere alla sola registrazione all’anagrafe canina;


3.  A far applicare un microchip contenente il codice identificativo per l’identificazione del cane con il quale è poi registrato nell’anagrafe canina. Il certificato di iscrizione in anagrafe canina deve accompagnare il cane in tutti i trasferimenti di proprietà.


L’identificazione e la registrazione del cane devono essere effettuate da veterinari pubblici competenti per territorio (ASL) o da veterinari liberi professionisti, abilitati ad accedere all’anagrafe canina regionale. I veterinari che provvedono all’applicazione del microchip devono effettuare contestualmente la registrazione nell’anagrafe canina dei soggetti identificati.


Tutti i proprietari e/o detentori a qualsiasi titolo di uno o più cani che non hanno ancora provveduto alla loro identificazione ed alla registrazione degli stessi, possono ricevere il dovuto ausilio rivolgendosi al:


•  Servizio Veterinario Asl sito in Santeramo in Colle alla Via Togliatti, ovvero chiamando il numero 0803035783;
•  Comando di Polizia Municipale di Acquaviva delle Fonti, ovvero chiamando il numero 080761014;
•  Canile rifugio comunale sito in contrada “la Campana” di questo abitato, dove l’associazione L’ARCA, attuale gestore in convenzione del medesimo canile, provvederà a coordinare ed espletare tutte le pratiche necessarie per il buon fine dell’operazione di identificazione del cane.


Il mancato adempimento di quanto sopra è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria che va da € 38,00 a € 232,00.


All’uopo, rende noto che chiunque voglia prendere un cane in affido, può rivolgersi al canile rifugio comunale in contrada “la Campana”, dove oltre a trovare il cane giusto ed adeguato alle proprie esigenze, troverà un cane già dotato di microchip, registrato nell’anagrafe canina, munito di libretto sanitario, completo di tutti i trattamenti veterinari fatti e con le indicazioni di quelli a farsi e, le femmine in età fertile, già sterilizzate. Inoltre potrà ricevere tutto l’aiuto necessario e l’assistenza per stabilire una corretta convivenza uomo ambiente animale nonché acquisire tutte le informazioni sui diritti degli animali e sui doveri a carico di colui che vive in compagnia di un animale domestico, con il quale poter migliorare la qualità della propria vita. A tale struttura comunale canile rifugio, ci si può rivolgere tutti i giorni.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI