Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

"Flash mob" a Bari degli insegnati della provincia per protestare contro le "24 ore"

fc2a9f6ee0ee323f693652e7f8033b8d21aa06b9 640x300_Q75


Bari, ore 11. In una normale domenica piovosa, in via Sparano, il suono improvviso di un fischietto ha dato il via ad un'inaspettata protesta civile e silenziosa.

Un centinaio di docenti provenienti da tutta la provincia di Bari, mescolati alla gente che ignara passeggiava guardando le vetrine, si sono seduti nella zona antistante la chiesa di s. Ferdinando, con libri e compiti da correggere.

In mezzora di significativo silenzio, a gambe incrociate e armati di sole penne, i docenti hanno protestato contro l'art.3 della legge di stabilità, attualmente in discussione alla camera, che prevede l'aumento, non retribuito, delle ore settimanali di lavoro, da 18 a 24.

Un ulteriore e indiscusso danno ad una categoria, di precari e non, e ad una istituzione messe in ginocchio da anni di dissennato governo.

Nessuno striscione, nessuna bandiera o simbolo politico e sindacale, solo un dignitoso e indignato silenzio tra i passanti che curiosi si sono fermati a guardare.

La protesta è un atto doveroso e democratico, nato in seno ad un gruppo creato su facebook che conta più di 3400 iscritti: “Insegnanti uniti contro le 24 ore di lezione settimanali”

È bene sapere che le 18 ore settimanali che un docente sostiene non includono tutto il tempo dedicato alla preparazione delle lezioni, alla correzione dei compiti, alle ore di ricevimento dei genitori, ai consigli di classe e ai collegi docenti, a tutte le altre attività extra-scolastiche.

È una protesta che deve riguardare tutti, poiché una legge simile rappresenta, non solo un ulteriore taglio di posti di lavoro, ma soprattutto un danno alla stessa qualità della scuola, già lesionata da anni di politica inadeguata e avvilente.

Il flash mob organizzato in questa giornata vuole e deve essere un segnale e un messaggio che, tutti coloro i quali ancora non si sono arresi nel vedere calpestati i diritti, l'istruzione e il futuro delle nuove generazioni, dovrebbero abbracciare e condividere.

Nelle foto di Raffaele Fiantanese alcuni momenti del flash-mob:

573ef9be69505b23dac344e4804033c205b22563 400x600_Q75

 

 

7b89a5b06ad1cf9949091ac98569d0d4f39791a9 400x600_Q75

  

7278fe9ea86ba86c7a067d855d461c040b9ce896 400x600_Q75

 

 

7229e778dface526e75121d562907a98fdfc0509 600x400_Q75

fb7f2b09fc7940abdfe34c103bec4aaf44f1bc32 600x400_Q75

 

ab6827df970805ed4e36e68176ac98a568efd203 600x400_Q75 

 

 

Commenti  

 
#1 tritone 2012-10-29 11:45
questa gente va presa e mandata a lavorare nel privato. altro che 24 ore..è lo spaccato della prima repubblica! fuori dai tempi..è lontana anni luce dal nuovo modo di fare scuola. ecco perchè poi, a tutti i livelli, dilagano i privati! l'unica categoria che lavora 16 ore a settimana e gode di ben 100 GIORNI DI FERIE!!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI