Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Colonia Hanseniana, le dichiarazioni del sindaco

Lettera

 squicciarini in_conf._stampa_6_aprile_2012

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato stampa: 


Le notizie che stanno interessando Acquaviva e l’Ospedale Miulli finiscono per turbare profondamente tutta la cittadinanza. Con la certezza che la Giustizia farà il suo corso in maniera libera e puntuale, rivolgiamo un messaggio di serenità alla comunità nell'attesa che venga fatta chiarezza sui fatti contestati.

Acquaviva è legata a doppio filo al suo ospedale, simbolo di efficienza e di vicinanza alla persona. Le vicende giudiziarie che, ci auguriamo, si concludano nel modo migliore per la città, non devono intaccare il riconoscimento degli elevati standard raggiunti dal nostro nosocomio, diventato punto di riferimento anche oltre i confini della nostra Regione.

Auspicando una rapida soluzione della vicenda, che certamente non potrà scalfire l’autorevolezza di un centro di cura tanto apprezzato, confidiamo nella Giustizia, affinché possa chiarire ogni circostanza a tutela dell'ospedale, dei suoi operatori e, attraverso questi, di tutta la comunità.



*Francesco Squicciarini



Acquaviva, 20 settembre 2012 

Commenti  

 
#8 attento lettore 2012-10-02 12:36
"....(omissis)a ugurando loro di superare indenni questo drammatico momento."
Bene la lettura non lascia spazio ad interpetazioni. Ad ogni modo sarà la magistratura a fare chiarezza e non i commentatori. Se ti riferivi al fatto che non hanno agito a titolo personale ma a favore dell'ente, un reato resta reato e quindi perseguibile penalmente. che significa il fatto che non hanno agito a titolo personale?. Ad ogni modo aspettiamo gli esiti della magistratura senza ne augurare ne condannare!!!
 
 
#7 achille signorile 2012-09-30 00:13
Naturalmente, i commentatori anonimi sono i più disinformati, i più patetici e, com'è evidente, i più vigliacchi! Io non ho scritto che Don Mimmo e Saverio Vavalle siano intoccabili, nè che il presunto comportamento truffaldino nei confronti della regione non sia un reato: ho scritto, e lo confermo, che dalle notizie in nostro possesso non sembra che essi abbiano agito a titolo personale per mettersi soldi in tasca. Questo fa parte dell'inchiesta e sarà la magistratura che
chiarirà tutti gli aspetti della vicenda. Perciò, anonimo "grazie commento 4", leggile bene le cose che io scrivo e cerca soprattutto di capirle!
 
 
#6 grazie commento 4 2012-09-26 14:31
Come al solito il achsigno si dimostra INADEGUATO. Fino a prova contraria, nell'ordinament o italiano, fattispecie come falsa fatturazione, falso in bilancio, truffa ai danni dello stato, rientrano nell'ambito PENALE......
Achille, rispetto la tua opinione....cmq ....vai a raccontarla a qualche altro, magari qualcuno potrebbe crederti
 
 
#5 pippo 2012-09-26 02:00
CHI E' O CHI SONO I REVISORI DEI CONTI DELL'OSPEDALE MIULLI?
 
 
#4 Per commento 3 2012-09-23 09:15
Per la serie: il danaro pubblico essendo di tutti, non é di nessuno e, quindi, possiamo gestirlo come diavolo (termine che mi pare appropriato) ci pare. La mala gestio è punibile proprio perché coloro ai quali viene affidato il pubblico danaro devono, anzi DEVONO, gestirlo in modo più attento ed oculato rispetto al proprio, dal momento che, essendo di tutti, è di ciascuno di noi. Ed allora, non pretendo di lasciar marci in galera i responsabili, in quanto per quel che mi riguarda, potrebbero stattene tranquillamente a casa. Se, come credo, i soldi son serviti per coprire i costi di qualche altra struttura, perché i 6 centralinisti evidentemente rispondevano al telefono di qualche altra parte, si proceda con la restituzione spontanea di questi soldi da parte di chi ha usufruito dei centralinisti ed ha bevuto gli ettolitri di birra. Se dobbiamo dare a Cesare quel che é di Cesare, forse è il caso che stavolta anche la Chiesa si adegui e restituisca quel che qualcuno, per suo noto, ha dimenticato di dare a Cesare
 
 
#3 achille signorile 2012-09-22 09:48
Dalle notizie divulgate dai media, non sembra che gli amministratori del Miulli posti agli arresti domiciliari abbiano operato a titolo personale per intascare i soldi elargiti dalla Regione: perciò, nell'attesa che la Magistratura completi l'indagine in corso, credo si possa tranquillamente esprimere solidarietà a Don Mimmo Laddaga ed a Saverio Vavalle, augurando loro di superare indenni questo drammatico momento.
 
 
#2 STEFANO 2012-09-21 19:07
SONO UN CITTADINO ACQUAVIVESE... ORA BASTA.... NON SI PUO' CONTINUAMENTE ATTACCARE L'OSPEDALE MIULLI E LA CHIESA IN QUESTO MODO... MI SEMBRA TANTO UN ATTACCO POLITICO X LO PIU' QUESTA VOLTA ANCHE POVERI IMPREDITORI CHE NONOSTANTE FANNO IL PROPRIO LAVORO DEVONO ASPETTARE MESI X ESSERE PAGATI. L'OSPEDALE MIULLI E' UN BENE NON SOLO X ACQUAVIVA MA DI TUTTO IL SUD ITALIA.
ESPRIMO SOLIDARIETA X TUTTI I COINVOLTI NELLA VICENDA E A TUTTO IL PERSONALE DEL MIULLI.
 
 
#1 stefano s. 2012-09-21 16:27
Se come si di piu indizi fanno una prova..... ora ne sono certo... e' un vero e proprio attacco (ho paura che sia solo politico) all'OSPEDALE MIULLI, alla CHIESA e ora anche a quei poveri IMPRENDITORI che lavorano per questi.... oltre al danno anche la beffa. Essere tirati in ballo in mezzo a questo casino dopo che x essere giustamente remurerati per le loro prestazioni devono passare mesi...... E' una vergogna... non si puo giocare con la vita delle persone..... esprimo la mia solidarieta a DON MIMMO, SAVERIO VAVALLE, TUTTI COLORO CHE A VARIO TITOLO SONO ENTRATI LORO MALGRADO IN QUESTA VICENDA.... Esprimo la mia solidarieta a tutti i dipendenti del MIULLI. STEFANO S.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI