Martedì 13 Novembre 2018
   
Text Size

1° Meeting Naz.Giovani Fratres: "un'esperienza che lascia il segno"

Giovani FRatres_al_1_meeting_nazionale

 

“#Siamo in vena di ComunicAzione” è questo il titolo del 1° Meeting Nazionale dei Giovani Fratres svoltosi lo scorso fine settimana presso le Misericordie di Oste (Prato).

Una due giorni (23-24 giugno 2012) tra aggregazione e promozione, un momento formativo importante per i molti giovani volontari FRATRES mirato a diffondere strategie e strumenti di Comunicazione per un’ immagine coordinata, integrata e al passo con i tempi.

L’incontro di formazione ha visto alternarsi sabato ben sei relatori (Elisa Baccichet, Mario Agostino, Antonella Ilaria Totaro, Giuseppe Tempestini, Valentina Di Leo, Luca Tempestini). I maestri comunicatori con il supporto di slide hanno analizzato il tema proposto sotto diversi aspetti e coinvolto ben ottantadue giovani provenienti da Puglia, Campania, Sicilia, Toscana, Molise e Sardegna. I giovani Fratres dopo aver approfondito le nozioni proposte e i Social Media, con i Workshop pomeridiani hanno avuto la possibilità di mettere su una mini campagna di Comunicazione all’interno di gruppi di lavoro confrontandosi su proposte di approfondimento diverse. L’esposizione dei risultati del Workshop ha messo in evidenza originalità nei Progetti, conoscenza di strategie e strumenti, sinergia e intesa tra i vari componenti dei Gruppi di lavoro.

Il presidente_Cardine_e_i_Giovani_FRATRES_Puglia 

Il 1° Meeting Nazionale dei Giovani FRATRES è stato un’esperienza entusiasmante, un evento formativa che ha permesso al tempo stesso di rinsaldare relazioni di amicizia e realizzare un confronto di idee e di progettualità tra gadget e mascotte.

Giancarlo Bozzi, consigliere nazionale e referente dei Giovani FRATRES aprendo i lavori ha detto: “Questa è la Fratres di oggi, il domani si costruisce se l’oggi è saldo!” e ha poi precisato che la Puglia è passata a prendere gli amici Campani per raggiungerci al Meeting.

“Ho imparato tantissimo da tutte le Regioni -ha detto Valeria Turelli- crediamo in un’unica immagine coordinata, le magliette bianche che indossiamo oggi sono un primo segno evidente, ci auguriamo che questo inizio di inizio di un percorso di formazione possa andare avanti grazie ai nostri territoriali”.

Domenica 24 il Meeting ha visto la partecipazione del presidente nazionale FRATRES Luigi Cardini e delle Misericordie affiancati dalle autorità civili e militari locali del Comune di Montemurlo.

“Giovani FRATRES quando tornate a casa dovete contagiare altri Giovani, dovete comunicare ai vostri coetanei che Donare Sangue è una necessità e un dovere di Vita. Mi rivedo in voi – ha detto Cardini- era il 1973 quando ho iniziato, io sono del 1945. L’idea di istituzionalizzare i Giovani FRATRES mi venne nel 2005 a Ravenna, ci sono voluti sette anni prima di arrivare a questo evento, il 1° Meeting Nazionale dei Giovani FRATRES, una data che va segnata sul Calendario. Ciò che avete fatto nei gruppi di lavoro verrà portato ora in Consiglio Nazionale”.

Un lungo corteo ha poi raggiunto la parrocchia di Oste Santa Maria Madre della Chiesa per la celebrazione eucaristica officiata da don Francesco Spagnesi che rivolgendosi ai Giovani Fratres ha detto: “Siete chiamati ad essere profeti di speranza”, e ancora “nel servizio che offrite ciò che deve starvi a cuore non è l’affermazione del vostro io ma gli Altri e il raggiungimento del bene comune. Grazie per la vostra presenza e testimonianza”.

Grazie di cuore a quanti a diverso titolo hanno reso speciale e unico questo Evento!

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI