Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Semi di Legalità, concluso il PON "Le(g)ali al Sud"

Semi di_Legalit_Collodi

 

A conclusione del Progetto PON “Le(g)ali al Sud”, martedì 19 Giugno 2012, l’Istituto “C. Collodi” ha organizzato l’evento “Semi di legalità”.

La manifestazione, tenutasi nella sala conferenze del Palazzo municipale si è svolta alla presenza di autorità civili, rappresentanti dell’associazionismo locale ed esponenti dell’ordine giudiziario. La serata ha sapientemente coniugato l’acuta riflessione sul tema della legalità, con momenti di puro spettacolo e di celebrazione dei valori condivisi.

A presentare la serata la Dirigente Prof.ssa A. M. Bosco che ha menzionato alcune delle significative tappe del lungo percorso di educazione alla legalità compiuto nel II Circolo Didattico dagli alunni che, quest’anno, concludono il percorso formativo nella scuola primaria.

Alla serata è intervenuto il Vice Questore Pietro Battipede che, nel suo intervento, dopo aver sottolineato il necessario distacco nella professione giudiziario, ai fini dell’imparzialità ed obiettività di giudizio, ha candidamente confessato il proprio coinvolgimento emotivo e la propria piena partecipazione in queste occasioni di incontro e dialogo con i ragazzi.

Il Dott. Battipede, infatti, è autore del testo che i ragazzi hanno utilizzato durante il Progetto PON: “Mark spiega il processo penale” ed ha ripercorso, assieme ai presenti, l’origine della personale vocazione a scrivere ed a pubblicare libri, nata dall’esigenza di dialogo con suo figlio Marco, ispiratore del personaggio principale dei suoi romanzi. Successivamente l’autore, ha sapientemente incoraggiato i ragazzi a destreggiarsi nei tanti incroci della vita a saper scegliere la strada giusta da percorrere, anche se il percorso etico e morale risulta essere il più difficile.

Ma la vera “chicca” della serata è stata la talentuosa esibizione degli alunni delle classi quinta C e D del plesso “A. Moro”, che nella loro accurata simulazione di un processo penale ispirato al testo letto, hanno strappato al pubblico presente in sala calorosi applausi ed anche qualche fragorosa risata. Sono emersi il piglio e la determinazione dei giovani attori nel mettere in scena un testo complesso ed impegnativo, ma del quale hanno dimostrato di conoscere argomentazioni e contenuti evidenziando al tempo stesso la padronanza del linguaggio giuridico e delle tecniche dibattimentali. Un festoso rap ha infine concluso l’insolita performance delle due classi coinvolte.

SemiDiLegalit 

Nella seconda parte della serata si è dato spazio alla premiazione di alcuni alunni del circolo che sono risultati vincitori di due borse di studio intitolate “SEMI DI LEGALITÀ” e dedicate alla Dott.ssa Utilia Di Leone, già dirigente del II circolo, nota ed apprezzata dalla cittadinanza, attraverso l’operato della scuola Collodi, per l’elevato contributo fornito negli anni, alla sperimentazione ed incentivazione di percorsi didattici e di iniziative di legalità e rispetto delle regole. Nell’ottica di questa particolare propensione del circolo a promuovere la meritocrazia e la solidarietà, la Dirigente Di Leone ha personalmente consegnato le borse di studio a due alunni del circolo: Miriana Ferrulli per il plesso Moro e Rosa Moccia per il plesso Collodi. Le vincitrici sono state selezionate da un’apposita commissione tra sette nominativi di alunni meritevoli e distintisi per comportamenti rispettosi e solidali previa segnalazione degli insegnanti delle classi quinte. I cinque concorrenti partecipanti sono stati anch’essi premiati con libri ed omaggi a ricordo della bella serata. E di bella serata si è trattato poiché c’erano tutti gli ingredienti per rendere suggestiva ed indimenticabile l’evento: il confronto efficace, la meditazione e la riflessione ragionata e necessaria, la celebrazione ed il riconoscimento di valori condivisi.

Molti nella serata sono stati gli aforismi citati, ma chi era presente all’incontro è tornato a casa con in mente, ma soprattutto nel cuore, le belle parole di Plutarco “La mente non ha bisogno, come un vaso, di essere riempita, ma piuttosto, come legna, di una scintilla che l'accenda e vi infonda l'impulso della ricerca e un amore ardente per la verità”.

 

*Ufficio stampa II Circolo Collodi

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI