Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

Procedura di valutazione di impatto ambientale

altra tensione_srl

  

La società Altra Tensione S.r.l con sede in Via Giovanni XXIII, n. 38 alla località Acquaviva delle Fonti (BA) rende noto di aver avviato la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale atta al rilascio del giudizio di compatibilità ambientale relativa alla REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MEDIANTE PIRO-SCISSIONE da realizzarsi nella zona industriale di Sannicandro di Bari (BA).

A tal fine in data 18/5/2012 ha depositato presso la Provincia di Bari - Servizio Ambiente tutta la documentazione tecnica e amministrativa inerente il sistema impiantistico in questione.

Trattasi di un impianto in grado di chiudere il ciclo di trattamento dei rifiuti ad alto potere calorifico mediante processo di gassificazione (dissociatore pirolitico) con recupero di energia elettrica e termica.

L’impianto è dimensionato per trattare circa 40.000 t/anno.

L’analisi condotta permette di dimostrare che l’impatto complessivo dell’opera è sostenibile e pienamente compatibile con la capacità di carico dell’ambiente in cui si inserisce.

Entro 60 giorni dalla presentazione dell’istanza chiunque può prendere visione della documentazione e presentare proprie osservazioni presso:

- la Provincia di Bari, Servizio Polizia Provinciale, Protezione Civile e Ambiente, C.so Sonnino, 85 il lunedì e il venerdì dalle ore 9:00 alle ore 12:00 e il martedì dalle ore 16:00 alle ore 18:00;

- il comune di Sannicandro, via Marconi, 2 dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00, il giovedì dalle 16:00 alle 18:00

- il comune di Acquaviva delle Fonti, Atrio Palazzo di città, 1 il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 10:00 alle 13:00 e il giovedì dalle ore 16:30 alle ore 18:30

- il comune di Grumo Appula, p.zza V. Veneto, 8 il lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8:30 alle ore 11:00 ed il martedì e il giovedì dalle ore 16:30 alle 18:30

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI