Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Action Points Network: “Al R. Luxemburg va il 1° e 2° premio”

foto 1.2

  

Si è tenuta a Bari il 10 maggio, presso l’Hotel Villa Romanazzi Carducci, il convegno “Una scommessa sull’universo giovanile”, evento conclusivo della fase operativa del progetto “Action Points Network - A scuola di cittadinanza attiva” promosso dall’Associazione E.C.O. in partnership con ASOTUDIS e patrocinato dalla Regione Puglia e dalla Provincia di Bari.

Il progetto ha visto la partecipazione di 23 scuole della provincia di Bari e di e 900 alunni della scuola secondaria superiore. Esso ha promosso la sinergia tra mondo della scuola, istituzioni e mondo del volontariato, grazie alle 55 associazioni di volontariato coinvolte. I laboratori di cittadinanza attiva realizzati all’interno delle scuole nel corso dell’anno scolastico, hanno sollecitato la fantasia e l’impegno dei ragazzi che si sono cimentati nell’ideazione di strumenti di comunicazione sociale e di microprogetti nel sociale.

L’attività, come ha sostenuto la dott.ssa E. Gentile, Assessore alle Politiche Sociali della Regione Puglia, è stata anche una preziosa occasione per sperimentare il “fare impresa”, consentendo ai giovani di cominciare a progettare il loro futuro in un’ottica di responsabilità sociale.

Al termine del convegno, ricco di spunti e di occasioni di confronto e dialogo, sono stati premiati due microprogetti ideati dagli alunni dell’IISS “R. Luxemburg” di Acquaviva delle Fonti: il primo premio assegnato al progetto “DOG S.O.S.” degli alunni Michele Addabbo, Francesca Rella e Andreina Tricarico della IV A TGP, il secondo premio al progetto “LIBERI DI ESSERE –LDE “ ideato dagli alunni Tony Cacciopoli, Georgieva Francone e Davide Dentico, anch’essi della classe IV A TGP. La motivazione del riconoscimento relativo al primo microprogetto sta nel fatto che i ragazzi hanno saputo coniugare problematiche differenti come il riciclo, il randagismo e l’integrazione sociale e affettiva dei ragazzi con bisogni speciali, proponendo un’idea innovativa che fa dei cani randagi una risorsa preziosa per chi ha “bisogni speciali”. Nel caso del secondo progetto, la novità è da individuarsi nel tema affrontato: l’inclusione e la valorizzazione sociale di figure quali le donne vittime di violenza e i giovani con diverso orientamento sessuale. Il progetto propone blog di discussione, eventi a tema, ma soprattutto la realizzazione di un centro di ascolto e di una casa di accoglienza per donne abusate e giovani discriminati per il loro orientamento sessuale.

Commenti  

 
#1 A.G. 2012-05-12 23:11
complimenti e congratulazioni a tutti quelli che, diventano grandi perchè IMPARANO a CREDERE.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI