Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

29 FEBBRAIO: "ANNO BISESTO, ANNO FUNESTO?"

29febbraio


“Anno bisesto, anno funesto” così recita un famoso detto a proposito di questa giornata.

Il 29 febbraio, una data che come tutti sappiamo si ripresenta ogni quattro anni prevista solo negli anni bisestili. Nel calendario gregoriano questa data cade negli anni divisibili per quattro (2012) ma non in quelli divisibili per cento, a meno che non siano divisibili per quattrocento (il 2000 è stato infatti bisestile).

La credenza popolare che si intreccia a sfortunati fatti accaduti in anni bisestili ci spinge a credere che il detto sia in qualche modo vero. Funesti nel senso di “portatori di disgrazie” gli anni bisestili erano visti come anomali, insoliti quindi infausti perché diversi dagli altri.

Nei paesi anglosassoni si crede, invece, che intraprendere un’attività o dichiarare un nuovo amore in questo giorno e durante tutto l’anno sia di buon auspicio. Per cui in controtendenza rispetto ai Paesi di cultura latina si crede che gli anni bisestili siano favorevoli a significativi cambiamenti di vita e che le persone nate in questo giorno siano particolarmente fortunate.

Una cosa certa però è che per i nati il 29 febbraio la celebrazione del proprio compleanno negli altri tre anni diventa a dir poco problematica. Un disagio quello di chi compie gli anni il29 febbraio posto al centro di “Bissexto” il poema del poeta brasiliano Pedro Nava (1903-1984) dove l’angoscia dell’attesa di un “non-compleanno” che non verrà è presa a simbolo delle attese tradite del suo paese.

giornata malattie_rare_2012 

Apprendiamo che oggi ricorre un’importante iniziativa: la quinta Giornata Mondiale delle Malattie Rare. In questo giorno centinaia di organizzazioni di pazienti, provenienti da oltre quaranta Paesi di tutto il mondo, stanno dunque promuovendo attività di sensibilizzazione ". sul tema prescelto per il 2012, che è quello della solidarietà.

"Rari, ma forti insieme” è infatti lo slogan che dà vita a questo progetto a favore e sostegno delle famiglie che convivono con malati affetti da malattie molto rare.

http://www.rarediseaseday.org/

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI