Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

GLI SVILUPPI DELLA VICENDA SITA

923d43baca53443308ae5aea80e6e4b4a5cf836b 640x300_Q75

 

La vicenda degli studenti liceali (di Sannicandro e Acquaviva) che l'altro giorno hanno bloccato un autobus della Sita (leggi l'articolo) perchè esasperati dalle condizioni di viaggio, ha trovato due importanti "sponde" nell'amministrazione comunale cassanese.

Il Comandante della Polizia Municipale, maggiore Luigi De Benedictis è in stretto contatto con la dirigenza della Sita: "la mia preoccupazione - spiega a CassanoWeb - è che non si deve continuare a mettere a repentaglio la sicurezza dei viaggiatori e dei ragazzi in particolare. Viaggiare in quel modo significa rischiare troppo e il fatto che la situazione sia pregressa, non significa che non debba essere risolta".

Secondo quanto la dirigenza dell'azienda di autotrasporti ha riferito al Comandante, lunedì scorso vi fu una concomitanza di fattori che resero esplosiva la situazione ovvero l'avaria di uno dei mezzi che doveva arrivare a Cassano e portare i passeggeri ad Acquaviva e contemporaneamente una Assemblea d'Istituto presso il Liceo a cui parteciparono tutti i ragazzi e che dunque, una volta terminata, fece sì che in blocco circa 500 persone avevano esigenze di tornare a casa,

Ma la concomitanza non basta a spiegare i disagi di cui ogni giorno i pendolari sono costretti a fare i conti.

"Stiamo cercando una soluzione idonea - spiega De Benedictis - che preveda un aumento dei mezzi disponibili ma occorre che anche la Dirigenza degli Istituti cassanesi, come già fatto, continui a far sentire la propria voce". Assieme, aggiungiamo noi, agli studenti e ai genitori degli stessi.

Sulla stessa linea si è mossa il sindaco di Cassano, Maria Pia Di Medio che ha scritto alla Sita dopo i numerosi disagi e le relative proteste degli studenti. Il primo cittadino ha auspicato che l'azienda possa prendere in considerazione la densità del traffico pendolare, cresciuta in particolare in questo anno scolastico, quindi potenziare il servizio delle autolinee.

Di seguito il testo della lettera che il sindaco ha inviato in data 25 ottobre.

Mi preme intervenire in prima persona, auspicando un Vs rapido riscontro, in merito a quanto accaduto nella giornata del 24 ottobre in occasione dell'uscita degli studenti fuori sede che utilizzano le Vs autolinee di collegamento fra Cassano e Sannicandro e fra Cassano e Acquaviva.

Ritengo importante da parte Vostra un'attenta valutazione della densità del traffico studentesco che riguarda i Licei Classico e Scientifico presenti sul nostro territorio poiché, quest'anno, si è avuto un notevole incremento delle presenze provenienti dai Comuni limitrofi determinando una insufficienza dei posti negli automezzi che servono le linee di cui sopra.

Ritengo, inoltre, far notare come la percorrenza in piedi o in altre scomode posizioni all'interno dei mezzi, possa essere causa di aumento di traumatismi ed incidentalità che ricadrebbero sulla Vostra Società.

Si richiede, pertanto, un potenziamento delle vetture, o comunque, dei posti nelle corse riguardanti il trasporto degli studenti, al fine di limitare i traumatismi e permettere una fruizione del servizio in piena sicurezza.

Commenti  

 
#1 Pino Solazzo 2011-10-27 15:58
I nostri figli trattati come animali, infatti se da una parte i controllori giustamente passano per verificare chi è a posto con l'abbonamento o con il biglietto a bordo dei bus per scongiurare l'annoso problema di chi viaggia gratis, gli stessi controllori, salendo su bus che viaggianoi fuori regola per la presenza di un numero di passeggieri molto superiore a quello consentito dalla legge, nulla fanno per far si che questo ormai noto e rinoto problema sia risolto.
E' vero che questo non succede solo con i mezzi della Sita ma anche con le ferrovie sud est sulla tratta Monopoli-Polign ano_Conversano e viceversa. dove spesso non si riescono a far chiudere le porte di accesso ai superlunghi bus in servizio per l'elevato numero di studenti che vorrebbero prendere gli stessi mezzi, a volte invano.
Sarebbe forse giusto se la magistratura a cui a nome dei genitori rivolgo un caloroso appello, prima che qualche incidente stradale ci porti in regalo una strage di ragazzi innocenti, apra un indagine e disponga che gli organi di polizia delegati ai controlli siano attivati per verificare questo appello denuncia.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI