Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

LA CONSULTA DELLE ASS. SPORTIVE SI INCONTRA

IMG_3698

 

Ore 17.00 di giovedì 29 settembre. Sono pochi ancora i rappresentanti delle associazioni sportive presenti nell’ala nord di Palazzo de’ Mari, alle 17.30 sono una decina ed essendo stato raggiunto il numero legale si decide di iniziare l’incontro.

Il numero non cambia in itinere, sono dieci le associazioni rappresentate, poco meno della metà di quelle iscritte all’albo delle associazioni comunali, ma, a detta dei presenti, non è una novità, pare ci siano associazioni che “partecipano alle riunioni solo quando hanno da risolvere i problemi del loro orticello”.

L’incontro inizia con il Presidente della Consulta, Giovanni Pignoni, che ha illustra e ripercorre un po’ i momenti salienti ad un anno dell’inizio dei lavori della consulta e i rapporti con l’amministrazione comunale: “abbiamo problemi non di dialogo, perché con l’assessore Pietroforte non abbiamo avuto nessun tipo di problema, ma penso che l’assessore stessa abbia delle difficoltà di dialogo con le altre forze politiche. Dopo il governo Pistilli, ad ottobre dello scorso anno siamo stati chiamati dalla Pietroforte che ci ha ricordato che stava per scadere il termine della gestione della società Sport Project prevista per il 31/12/2010 chiedendo alle associazioni di pensare a come si potevano gestire il campo sportivo e il centro Valeriano di Scappagrano”.

Ad ottobre 2010 quindi la consulta ha fatto un sopralluogo rilevando lo stato di abbandono in cui versavano le strutture sportive gestite dalla società appaltatrice facente capo al sig. Vetrano. Un tira e molla durato fino alla fine dell’anno e poi continuato del 2011, quando la società di Vetrano ha continuato a gestire le strutture senza nessuna proroga o accordo con il Comune fino ad aprile di quest’anno, mese in cui ha consegnato le chiavi. Data l’emergenza con ancora in attività le squadre e in corso i campionati, la società di atletica e la società Volley hanno preso in affido rispettivamente il campo sportivo e il centro Valeriano.

Alla fine del campionato l’Amicizia Volley ha lasciato Scappagrano, invece l’Atletica Acquaviva ha continuato a gestire il campo sportivo con grossi sacrifici fino a questi giorni quando, in accordo con il Comune, ha costituito un consorzio con la società di calcio A.C. Acquaviva per la gestione del campo.

La questione del Tommaso Valeriano, invece, ha seguito tutto un altro iter, infatti dopo la chiusura di giugno, nei mesi estivi è stato oggetto di atti vandalici, o come ha detto il Maresciallo dei Carabinieri durante un sopralluogo, si tratterebbe di un vero e proprio sfregio. Insomma, il centro sportivo è ora inagibile e bisognerebbe pensare a cosa fare per riaprirlo visto che è alle porte l’inizio di alcuni campionati e già le squadre stanno chiedendo ospitalità ai paesi limitrofi.

L’assessore Pietroforte ha ringraziato pubblicamente le associazioni che si sono messe a disposizione dicendo che è stato inserito negli obiettivi del responsabile dell’ufficio tecnico la stesura del bando per il Project Financing che deve essere quindi pubblicato entro la fine di quest’anno.

L’ associaizone Volley ha proposto di ristrutturare Scappagrano in economia chiedendo al Comune di fare uno sforzo per riaprire il centro, invece più dura e significativa è la proposta della società di Atletica per bocca di Giacomo Bruno: “La palestra di cosa ha bisogno? In maniera umile ed artigianale rimbocchiamoci le maniche e domani mattina organizziamoci per riparare i danni. C’è qualcuno che con questi atti vandalici ci voleva lanciare un messaggio? A noi, al Comune, ad altri? Non importa. Accendiamo la luce tutte le sere. Utilizziamo la casa del custode come sede della consulta delle associazioni sportive. Andiamo tutti i giorni e facciamo vedere a questi presunti vandali che esistiamo, che esistono le associazioni, che esiste lo sport ad Acquaviva”.

Sicuramente una provocazione forte e un’iniziativa importante in un paese ormai lasciato allo sbando nelle mani dei vandali e di ragazzi sfaccendati.

Come finirà?

Sotto le foto degli atti vandalici al centro sportivo Tommaso Valeriano.

Commenti  

 
#3 tonino santamaria 2011-10-02 10:09
Per un Project Financing i tempi sono lunghi: se tutto va bene, l'iter per l'assegnazione si concluderà alla fine del 2012 e poi dovranno essere fatti i lavori di ripristino. Le Associazioni potranno riavere la struttura, solo per la stagione agonistica 2012/2013. Nel frattempo...... ...
 
 
#2 Giovanni Pignoni 2011-10-01 23:09
A nome della Consulta dello sport ringraziamo per l'attenzione e la tempestività dedicata alle travagliate vicende nostre e delle AA.SS.
Cordialmente
G. Pignoni
 
 
#1 Indignato 2011-10-01 11:49
Auguro a coloro che hanno compiuto gli atti vandalici o meglio la spedizione punitiva, una vita piena di sofferenze come stanno soffrendo oggi i ragazzi che per poter praticare uno sport devono pellegrinare verso altri comuni.
Auguro invece alle associazioni sportive di vedere ripristinato il centro sportivo e affidato a gente seria.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI