Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

MIULLI, "IN CAMMINO CON LA MADONNA DI NAZARET"

don_tommaso_lerario-madonna_di_nazaret

madonna_di_nazaret

Si conclude oggi, giovedì 19 maggio 2011 nella Chiesa Santa Maria della Salute (piano -1) dell’Ospedale “F. Miulli” dopo la recita del Santo Rosario (ore 16) e la celebrazione della S. Messa (ore 17) la visita dell’immagine della Madonna di Nazaret.

Una settimana quella appena trascorsa, dal 13 al 19 maggio, intensa, carica di doni e spiritualità, che ha registrato grande partecipazione di fedeli. Di giorno in giorno la statua della Madonnina “incinta, che va verso la cugina Elisabetta” è stata accolta e venerata in ogni piano.

Partendo dal IV° piano è passata per i reparti di Pediatria, Neonatologia, Ostetricia, Ginecologia, Ortopedia 1 e 2, Neurochirurgia, è scesa poi al III° piano visitando Medicina, Endocrinologia, Nefrologia, Maxillofacciale, Otorino, Dermatologia, Oculistica. Domenica l’immagine della Madonna è stata portata nella Chiesa di S. Maria della Salute dove i volontari dell’AVO delle Murge hanno curato l’animazione della celebrazione. Lunedì poi la statua è stata ospitata al II° piano passando per Recupero, Geriatria, Urologia, Pneumologia,  Gastroenterologia.

In questi giorni siamo in cammino con Maria”, così ha aperto la sua omelia don Tommaso Lerario, cappellano dell’Ospedale Miulli, “donna tenera, forte, coraggiosa, donna della vita. Una giornata resa più luminosa dalla ricorrenza del 190° anniversario della fondazione delle Suore Ospedaliere della Misericordia, sono quatto nel nostro ospedale”. Ha poi ricordato brevemente la fondatrice Teresa Orsini Doria e il suo carisma sintetizzabile nell’‘essere accanto ai malati la tenerezza di Dio’.

Martedì la Madonna è scesa al I° piano passando per Rianimazione, Cardiologia, Neurologia, Chirurgia 1 e 2, Chirurgia Vascolare per arrivare al piano terra in Dialisi, Pronto Soccorso e Radiologia.

Oggi alle 18,00 è prevista la sua partenza al termine della celebrazione al piano -1.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI