Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

MARCIA DELLA PACE 2011: "UN SUCCESSO DA GUINNES" -Fotogallery

DSC02541    

“Uniti per la Pace con la legalità nel cuore” è questo lo slogan scelto per la marcia cittadina organizzata dal 2° Circolo Didattico “Collodi” in collaborazione con il Comune di Acquaviva delle Fonti e l’A.C.R. per testimoniare l’impegno educativo a favore della costruzione della pace e della legalità, e trasmettere attraverso l’entusiasmo la gioia di coltivare i valori di solidarietà, unità e appartenenza.

Un appuntamento consolidato quello della Marcia della Pace che ha registrato anche quest’anno grande partecipazione della cittadinanza: bambini, ragazzi, docenti ed educatori parrocchiali, genitori e nonni, rappresentanti dell’associazionismo e del volontariato, autorità politiche, militari e religiose hanno preso parte al colorato corteo scandito da cartelloni, palloncini e aperto dalla lunga bandiera tricolore italiana (ben 60 m). Tra i partecipanti anche il 2° C.D. “Falcone” di Adelfia e Pinuccio Fazio, papà di Michele il sedicenne ucciso per errore in un agguato di mafia a Bari Vecchia il 12 luglio 2001, venuto per l’occasione per consegnare una targa a Rosa Scarpetta per aver scritto una commuovente lettera dedicata a suo figlio.

La manifestazione è iniziata intorno alle ore 17,00 con un breve momento celebrativo in Piazza Garibaldi: allo squillo del silenzio sono seguite le note di “Va pensiero” e la deposizione di una corona di alloro al Monumento dei Caduti, poi percorrendo le vie principali della città il corteo è giunto al plesso “Collodi” in via Caporizzi. Le condizioni meteorologiche avverse hanno portato purtroppo allo stravolgimento della scaletta prevista dagli organizzatori che si sono visti costretti ad accelerare le performance e accorciare decisamente gli interventi previsti.

La Dirigente Scolastica del 2° C.D. “Collodi”, dott. ssa Utilia Di Leone, accogliendo i partecipanti ha riferito di essere “onorata, orgogliosa ed emozionata di essere giunta a concludere questa 3° ed della marcia della Pace e della Legalità. Era il 20 aprile 2007 quando questa scuola prese un impegno con la professoressa Maria Falcone, impegno instancabilmente perseguito in questi anni nel segno dell’educazione alla legalità e alla pacifica convivenza. Quest’anno si aggiunge un altro valore, quello dell’Unità tutti sappiamo che nel 2011 si celebrano i 150° dell’Unità d’Italia, questa è per noi l’occasione per ricordarli e festeggiarli insieme! “Insieme” un parola che mi è cara convinta come sono che solo con il senso di appartenenza alla propria comunità, la condivisione degli stessi ideali e con la collaborazione nel raggiungimento degli stessi obiettivi possiamo affrontare l’incertezza di un futuro che ci fa paura. Dice don Ciotti -La speranza del futuro è nel segno del Noi, del fare insieme, della fiducia dei giovani, bisogna investire sui giovani, un Paese che non fa questo non crede in se stesso-. Libertà, uguaglianza, responsabilità, inclusione, solidarietà, spirito critico, lealtà, legalità, non violenza e ripudio della guerra questi sono i valori che la scuola pubblica inculca e continuerà a farlo respingendo ogni accusa ingiusta e ingenerosa che proviene da chi invece la scuola pubblica dovrebbe sostenerla e difenderla. Chi lavora nella scuola merita più attenzione e rispetto, la scuola è un bene comune che appartiene all’intero Paese, ed è la scuola pubblica la vera agenzia di unità sociale e civile”.

È seguita una coreografia realizzata dai bambini di III, IV e V del plesso Collodi per rendere omaggio ai colori rosso, bianco e verde della nostra bandiera e l’Inno di Mameli. La direttrice ha poi dato lettura del messaggio di don Luigi Ciotti, che rivolgendosi ai ragazzi li ha invitati ad essere “fonte di rinnovamento per il territorio, sorgente di impegno tenace e concreto per affermare la giustizia, l’uguaglianza, la pace, la legalità e i diritti di ogni persona. Tenetevi stretta la vostra voglia di conoscere, capire, impegnarvi insieme, alimentate la gioia giorno dopo giorno con l’aiuto dei vostri familiari e dei vostri bravi insegnati. Non lasciatevi mai ristagnare nella pigrizia e nell’indifferenza, non lasciatevi mai scoraggiare dai piccoli e grandi ostacoli che trovate sul vostro percorso. Siate come l’acqua che sgorga viva dalla fonte e ovunque vada regala altra vita intorno”.

È seguito il saluto del vice sindaco, dott. Leonardo Mastrorocco: “Quest’anno la marcia della Pace coincidendo con il 150° anniversario dell’Unità d’Italia riveste un’importanza particolare. La partecipazione così numerosa, oggi, dimostra quanto sia importante la presenza di tutti perché esserci equivale a dare un segno e una volontà viva e certa e di voler costruire un modo nuovo di vivere e pensare. Mi sento di ringraziare a nome dell’amministrazione Comunale la Direttrice e tutti i suoi collaboratori del 2° circolo che organizzando questa manifestazione mantengono accesa in ognuno di noi la speranza in un mondo migliore sotto il segno della pace”. L’assessore ai Servizi Sociali, Carmela Capozzo a nome del Sindaco Squicciarini ha consegnato al presidente del Comitato Genitori del 2° C. D. una targa per “l’encomiabile impegno e la preziosa collaborazione nell’organizzazione dell’evento “Uniti nella pace con la legalità nel cuore”.  Prendendo la parola, il presidente del Comitato Genitori ha detto: “Un particolare ringraziamento va certamente alla nostra Dirigente Scolastica che “in questi anni ha scelto di rendere pregnante l’azione di educazione alla legalità con un progetto che ha coinvolto tutti gli operatori di questo circolo, dai docenti ai genitori. Questo progetto e la marcia della pace e della legalità è una delle eredità più importanti che ci sta lasciando, siamo consapevoli che in questi anni molto è stato fatto, sappiamo anche che c’è molta strada da compiere, seguendo le sue orme cercheremo di non deluderla nel futuro”.

Grazie presidente, - ha risposto prontamente la Di Leone commossa- sono sicura che anche senza di me continuerete a camminare, lo farete perché siete animati da una grande passione e la manifestazione di oggi ne è una concreta dimostrazione”. Un breve saluto è stato dato anche da parte della referente nazionale dell’A.C.R., Teresa Borrelli che ha ringraziato la direttrice per aver dato la possibilità di raccontare ai nostri ragazzi che cosa è la pace attraverso la legalità. Il Comandante Soleti della locale stazione dei Carabinieri è stato invitato a scoprire la targa apposta sulla scuola in cui si legge: “Per commemorare 150 anni dell’Unità d’Italia  e costruire un nuovo futuro uniti nella pace con la legalità nel cuore 28 aprile 2011”.

Una performance realizzata dai bambini di II plesso “A. Moro”, la lettura di alcuni messaggi sull’orgoglio di essere italiani da parte di 6 ragazzi di V° del 2° C. D., il volo di alcuni colombini e il lancio di palloncini tricolore hanno concluso con successo la manifestazione.

Dobbiamo regalare ai nostri bambini – ha ribadito in ultima battuta la Di Leone- la speranza di non abituarci mai al sopruso, alla violenza e alla volgarità, dobbiamo riuscire a trasmettere ai nostri ragazzi la bellezza del rispetto, dell’onestà e della verità. Speriamo di continuare a camminare, nonostante le cadute, i tradimenti, le delusioni e le sconfitte. Perché la storia continua!Speriamo di avere il coraggio di rimanere uniti. E avere la forza di seminare, seminare e seminare”.

 

Riportiamo una ricca Fotogallery con i momenti più significativi della Marcia della Pace:

-Di seguito gli scatti di Isabella Giorgio:

  

-Di seguito gli scatti di Giuseppe Ferrante:

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI