Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

"CORBEZZOLI! NON SOLO I MILLE GARIBALDINI"

foto_20_aprile

 

 

C’è gran fermento, a momenti sarà tutto pronto, si aspettano le istituzioni, i ragazzi hanno fatto quello che gli si è chiesto seguendo alla lettera le istruzioni dei docenti, il sole è lì, in alto, al suo posto, a far da cornice ad una giornata che si prevede importante per l’istituto Don Milani. Sembra che questo istituto non si fermi mai, sembra che i ragazzi abbiano cambiato le consuetudini degli istituti superiori: chi si ricorda delle proprie assemblee d’ istituto come giorni di ozio e di nullafacenza dovrebbe vedere la passione con cui allievi e professori del Don Milani organizzano le loro, trasformandole in momenti di giubilo, cultura e riflessione. Eppure ci aspettavamo di assistere ad una manifestazione culturale fatta di un esiguo gruppo di ragazzi e dal corpo docente ed istituzioni locali: quasi come se fosse una costrizione di calendario. Ma il brusio che si udiva dai primi passi nel viale e conseguentemente la visione dei tantissimi ragazzi che si muovevano indaffarati per far fronte alle vicissitudini dell’evento ci ha subito fatto confermare che il Don Milani è davvero una delle scuole medie superiori più attive del territorio acquavivese; il sipario che si è aperto ai nostri occhi non era quello che ci aspettavamo ma un insieme di iniziative culturali che sono state consumate nella stessa giornata intitolato “Viviamo la Scuola”: la musica il ricordo ed il senso di responsabilità sono stati i campi delle manifestazioni.

foto_DON_MILANI_20_aprile

La giornata culturale è iniziata con la manifestazione “Mille corbezzoli per mille garibaldini” un evento che rientra nel progetto dell’istituto Don Milani in collaborazione con l’Associazione Nazionale Forestali ed il Comitato Pugliese per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, con l’intento di diffondere la cultura del verde e favorire una riflessione sugli avvenimenti del Risorgimento Italiano e Pugliese. La manifestazione è stata aperta dalla referente per il territorio Prof.ssa Maria Nardulli che sulle rime di una poesia del Pascoli, “il primo poeta che dedicò una poesia al corbezzolo vedendo nei suoi colori una prefigurazione della bandiera italiana”, ha dato il benvenuto al Sindaco Francesco Squicciarini, ai membri delle associazioni del territorio presenti ed ai membri del comitato per il 150°. A seguire l’intervento della Prof.ssa Nardulli sono intervenuti il Sindaco per il saluto di rito, l’intervento del Prof. Petrelli sul nostro garibaldino, Turese ma vissuto ad Acquaviva Francesco Raffaele Curzio e la Giornalista Altamurana Prof. Bianca Tragni che con i suoi racconti ci ha fatto respirare la rivoluzione ai tempi del risorgimento, coinvolgendo i ragazzi con l’enfasi di una romanziera disaminando il risorgimento italiano e pugliese come pochi.

Durante la manifestazione abbiamo avvicinato la Professoressa Nardulli che ci ha spiegato con dovizia di particolari non solo la manifestazione che si stava svolgendo ma anche le varie iniziative che si susseguiranno in un futuro prossimo. La professoressa ci spiega che l’evento “mille corbezzoli per mille garibaldini” da la possibilità all’istituto Don Milani di essere una delle scuole in Italia ad adottare un Garibaldino, in questo caso la “giubba rossa” Raffaele Mauro da Cosenza, che vivrà nel ricordo degli studenti grazie alla piantumazione di alcune piante di corbezzolo, infatti ad arricchire ancora di più il meraviglioso giardino dell’istituto ci saranno  4 nuovi alberi di corbezzolo ed alcuni di Mirto. La classe 1° B linguistico si occuperà di tenere in buono stato gli alberi, adottando il garibaldino. Per l’occasione la Professoressa ha voluto ringraziare il presidente dell’ANFOR Leonardo Tinelli che avvalendosi dell’ausilio di instancabili collaboratori ha permesso la perfetta riuscita dell’evento.

Inoltre ci ha accompagnati all’interno dell’istituto per essere testimoni dell’ennesimo evento nell’evento, intitolato RI-CREAZIONE. Questo progetto, in collaborazione con l’associazione Officine Culturali è stato sviluppato nell’ambito del progetto regionale bollenti spiriti ed  ha insegnato ai ragazzi come riutilizzare rifiuti come bidoni fustini e materiale plastico a modo di strumenti musicali. Il docente di percussioni prof. Morleo si è cimentato in una lezione dimostrazione con gli allievi dell’istituto non certo lasciandoci indifferenti.

A dimostrazione del senso di responsabilità di questi ragazzi, degno di cronaca è il loro impegno nell’imbiancare le loro aule, sempre durante le loro giornata di assemblea, per ridare a queste un look dignitoso senza aspettare le lungaggini burocratiche e senza aggravare le spese insormontabili che affliggono ogni istituto scolastico. A completamento della giornata alcuni gruppi musicali giovanili hanno allietato i timpani degli alunni con musica leggera di loro sicuro gradimento.

Il passato ed il presente di questo liceo sono all’insegna del fare e di certo il suo operato non si ferma nelle mura dell’istituto ma è di sicuro ausilio al mondo della cultura cittadino. I tanti progetti fatti in passato come “Biblio in Rete” dove a livello nazionale una loro classe 4° ha ricevuto un primo premio di lettura, gli incontri con l’autore aperti alla cittadinanza, come poco fa quello con Enrico Ruggeri ma ricordiamo anche quello con Giuliana Sgrena, gli incontri dibattito su temi importanti come la tutela dei diritti umani dimostrano il grande lavoro fatto dai docenti di questo istituto, tra i quali  la prof.ssa Nardulli, che di sicuro va oltre il regolare lavoro di docente ed oltre l’orario di lavoro giornaliero. Lo staff di professori, per la maggior parte fatto di “quote rosa” è uno staff affiatato e che vive con molta passione il suo lavoro e che in futuro ci serberà altrettanti impegni importanti e di spessore, come, in un futuro prossimo, il progetto di educazione alla  legalità al quale prenderanno parte numerose associazioni culturali del territorio e l’amministrazione Comunale. Auguri di buon lavoro ragazzi!

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI