Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

CONVOCATA LA CONSULTA CULTURA E AMBIENTE

palazzo_de_mari  

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota:

“A causa del poco anticipo con cui abbiamo saputo del forum cittadino sui rifiuti abbiamo dovuto convocare d'urgenza la Consulta per discutere e eventualmente approvare le proposte del gruppo di lavoro che presenteremo il 29 durante il forum cittadino

lì 24/03/2011



- All'Assessore Pietroforte Francesca;
- Ai Consiglieri Comunali Borregine Raffaele e Montenegro Francesco
- Alle associazioni culturali iscritte nel registro comunali;
- Ai rappresentanti del Centro Anziani e del Comitato Feste Patronali.


 Oggetto: CONVOCAZIONE D'URGENZA DELLA CONSULTA ALLA CULTURA E AMBIENTE

SI invitano le SS. LL: a voler partecipare all'incontro che si terrà lunedì 28 Marzo 2011 alle ore 17.30 in prima convocazione e alle ore 18.00 in seconda convocazione presso l'Ala Nord di Palazzo di Città per la discussione e l'eventuale approvazione delle proposte elaborate dal "Gruppo di Lavoro" in vista del Forum cittadino sulle procedure d'appalto dei servizi di raccolta e smaltimento dei RIFIUTI, nonché di IGIENE URBANA, che è stato convocato Martedì 29 Marzo 2011.


In allegato si inviano le proposte del gruppo di lavoro  e un questionario da somministrare a campione ai cittadini.

 

*La Vicepresidente della Consulta
    alla Cultura ed Ambiente
Dott.ssa Costantina Capozzo
 

 

 

DOCUMENTO PREDISPOSTO DAL GRUPPO DI LAVORO NOMINATO DALLA CONSULTA COMUNALE  DELLA CULTURA E DELL’AMBIENTE NEL CORSO DELLA RIUNIONE ASSEMBLEARE DEL 3/3/2011

 

Acquaviva, 24 Marzo 2011

 

Il gruppo di lavoro nominato dall’assemblea della Consulta della Cultura e dell’Ambiente con l’incarico di definire proposte da presentare al forum cittadino convocato nell’ambito delle procedure per la gara di appalto del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e assimilati nonché del servizio di igiene urbana, ha elaborato le seguenti osservazioni e raccomandazioni, secondo il mandato ricevuto dal  predetto Organismo consultivo comunale.

Dall’esame dei dati forniti dai relatori in occasione del primo forum cittadino tenutosi il 21 Febbraio u.s., si ricavano utili elementi per valutare sia la soluzione progettuale che la situazione attuale dei servizi in argomento. Da tali dati si ricava, in sintesi, che la raccolta differenziata dei rifiuti ad Acquaviva risulta attualmente pari al 16,84% a fronte dell’obiettivo previsto dal Piano Regionale dei Rifiuti pari al 56% per l’anno 2011.

Il costo per il solo smaltimento dei rifiuti indifferenziati raccolti nel Comune di Acquaviva ammonta attualmente a E 753.104 annui a cui vanno aggiunti E 85.500 per ecotassa. Il costo annuo complessivo del servizio è di E 2.130.000. Se si considera che l’ecotassa è destinata a lievitare sensibilmente nel prossimo futuro, si deduce che per la sostenibilità economica ed ambientale del servizio è decisivo concentrare ogni sforzo sull’obiettivo di un forte incremento percentuale della raccolta differenziata, anche in considerazione del fatto che i costi del servizio dovranno essere posti a totale carico degli utenti. A tale riguardo si osserva che il rapido passaggio dalla tassa alla tariffa potrebbe favorire, con opportuni incentivi, il potenziamento della raccolta differenziata.

I professionisti incaricati di predisporre gli atti d’appalto hanno previsto per il nuovo servizio il 50% di raccolta differenziata, ma si tratta di un dato ben al di sotto degli obiettivi nazionali e regionali. Pertanto è assolutamente indispensabile adottare in merito sistemi qualificati, rigorosi ed efficienti.

Per raggiungere tale scopo il gruppo di lavoro della Consulta suggerisce di prevedere nei capitolati dell’appalto la nomina di un organismo indipendente di cui facciano parte anche associazioni ed esperti designati dalla Consulta a cui assegnare, con costi a carico del gestore del sevizio, i seguenti compiti.

  1.  Monitoraggio permanente della qualità del servizio;
  2.  Iniziative di informazione capillare e sensibilizzazione su tutte le tematiche utili a promuovere un corretto, esteso ed efficiente sevizio di raccolta differenziata e di salvaguardia ambientale,
  3. Sportello di informazione ed ascolto aperto al pubblico degli utenti.

L’organismo predetto potrebbe operare, per una sua più efficace azione, anche col supporto del Centro Risorse Ambientali (Ecosportello) attualmente impegnato presso il Comune di Acquaviva  nella realizzazione di un progetto elaborato dal WWF e finanziato con risorse del Fondo Sociale Europeo. Pertanto l’attività di Ecosportello potrà auspicabilmente essere garantita anche oltre il periodo della sua programmata operatività, il cui termine è fissato per la fine del mese di Aprile c.a., ai fini della sua partecipazione, con compiti di supporto tecnico, all’opera di monitoraggio e informazione come sopra indicato.

In vista delle procedure di appalto il gruppo di lavoro ha predisposto l’allegato questionario da somministrare a campione ai cittadini per una prima analisi del grado di informazione e sensibilizzazione degli utenti in merito alla raccolta differenziata.

Allo scopo di individuare il miglior sistema di raccolta differenziata e, ferma restando la preferenza, nella fase iniziale, per il metodo del porta a porta, sarebbe opportuno organizzare, prima dell’indizione della gara di appalto, un’apposita conferenza pubblica, previa intesa con il Distretto Produttivo dell’Ambiente e del Riutilizzo, a cui invitare anche enti e imprese del settore, per definire le più efficienti modalità di espletamento del predetto servizio e per acquisire conoscenze in merito alle più avanzate metodologie di recupero e  riutilizzo dei rifiuti.

Il gruppo di lavoro ritiene che nel capitolato debba essere chiaramente indicato l’obbligo, a carico del gestore, di calendarizzare preventivamente gli interventi periodici di igiene urbana, in modo da rendere possibili tempestivi controlli. Sarebbe opportuno anche prevedere l’obbligo, per i funzionari comunali addetti al controllo del servizio in questione, di informare almeno trimestralmente gli organi politici del Comune e la Consulta comunale della cultura e dell’ambiente, sull’andamento del servizio attraverso una dettagliata relazione.

Il gruppo suggerisce di mantenere in capo al Comune la proprietà dei rifiuti differenziati in modo da agevolare la tracciabilità degli stessi e beneficiare direttamente dei proventi derivanti dai conferimenti.

A parere del gruppo di lavoro le violazioni del capitolato dovrebbero comportare sanzioni adeguate, commisurate al danno provocato e tali da penalizzare i comportamenti trasgressivi con un procedimento sanzionatorio chiaro ed efficace.

Il gruppo di lavoro è del parere che il servizio urbano in argomento debba essere organicamente inserito in una strategia che comporti iniziative idonee a fare dei rifiuti una delle risorse per lo sviluppo produttivo e occupazionale del territorio attraverso la promozione di interventi che, in linea con il piano regionale, contribuisca a realizzare il ciclo integrato dei rifiuti e favorisca gli investimenti pubblici e privati nelle filiere del recupero e del riutilizzo, nel rigoroso rispetto dell’ambiente e nella salvaguardia e tutela della salute. E’ auspicabile che il prossimo ampliamento della zona per gli insediamenti produttivi sia finalizzato prioritariamente a tale scopo. Si propone, inoltre, di realizzare centri di raccolta di rifiuti differenziati ed una discarica per gli inerti, utilizzando anche risorse messe recentemente a disposizione dalla Regione.

Il gruppo di lavoro della Consulta sollecita, infine, la pronta implementazione delle misure previste dalla “Rete Città Sane” a cui il Comune di Acquaviva aderisce e invita gli organi competenti dell’Amministrazione cittadina a prendere in considerazione l’opportunità di iscrivere il Comune all’Associazione dei Comuni Virtuosi.

 

QUESTIONARIO

Rapporto tra la promozione ambientale e il comportamento dei cittadini

Registrazione dell’indagine: data____________ ora _________

      1. In quale quartiere della città risiede?   c centro storico    c S. Domenico  c Sacro Cuore    c S. Lucia   c S. Maria Maggiore    c  S. Francesco  

2. Da quante persone è composta la sua famiglia, compreso/a lei? c1  c2  c 3  c 4  c 5  c >5

3. In che tipo di abitazione risiede?   c Condominio      c Casa singola 

4.La sua casa ha un giardino?      c si c no

5.Età del capofamiglia: c <30  c 30-40  c 40-50  c 50-60 c 60-70 c >70

6.Titolo di studio del capofamiglia: c nessuno  c licenza elementare  c licenza media, scuola di avviamento professionale  c diploma di scuola media superiore  c laurea/diploma universitario  c titolo superiore alla laurea

7.In casa effettua regolarmente la differenziazione dei rifiuti?

    c sempre     c qualche volta               

    c spesso     c quasi mai                     

     c mai                 

8. Quali tra le seguenti differenziazioni applica quotidianamente?

 

No

 

 

No

 

Frazione umida (rifiuti organici)

 

 

Carta e cartone

 

 

 

Frazione secca (rifiuti riciclabili)

 

 

Vetro e metallo

 

 

 

Beni durevoli (frigoriferi, televisori, elettrodomestici, PC, etc.)

 

 

Rifiuti ingombranti (mobili, materassi, etc.)

 

 

 

Oli di frittura e alimentari

 

 

Plastica

 

 

 

Oli minerali

 

 

Farmaci

 

 

 

Verde (rifiuti del giardino)

 

 

Altri pericolosi

 

 

 

 

9. Per quale motivo prevalente non effettua quotidianamente la differenziazione? (una sola risposta)

c perché trova difficoltà nel dividere i rifiuti                        c perché non lo ritiene utile

c perché non le interessa                                                c perché c’è poco spazio in casa

c perché impiega troppo tempo a dividere i rifiuti             c altro _______________________________

10)  E’ a conoscenza della raccolta degli indumenti? c si c no

11)  Trova difficoltà a capire come differenziare alcuni rifiuti?  c No c Sì, quali?______________ 

12)  Impiega molto tempo per dividere i rifiuti?       c perde un po’ di tempo         c perde molto tempo c no, il tempo sarebbe uguale se li mettesse tutti insieme

13)  Le crea disordine e ingombro dover tenere in casa più contenitori per i rifiuti?

c no, nessun disagio     c un lieve disagio           c sì, è un problema

14)  Sa cos’è il compostaggio domestico? c sì    c no 

Lei fa il compostaggio domestico? c sì    c no  

15)  Perché non lo utilizza? (una sola risposta) c è difficile da gestire   c non gli/le interessa     c emana cattivi odori        c non ha spazio   c altro (specificare ________________________)

16)  Conosce il servizio gratuito di raccolta di materiale ingombrante? c  si  c  no 

17)  Ne ha mai usufruito? c  si  c  no  Ne è rimasto soddisfatto? c  si  c  no (perché)_______________

18)  Ritiene che i materiali raccolti in modo differenziato (carta,vetro,plastica) vengano effettivamente recuperati e riciclati? c sicuramente c penso di sì c non credo c sicuramente no c non so

19)  In che misura ritiene di essere stato/a informato/a sulle modalità di Raccolta Differenziata dei rifiuti?                           c molto     c abbastanza   c poco   c per niente

20)  Esprima un giudizio generale sulla Raccolta Differenziata dei rifiuti solidi urbani nel nostro Comune:                         c ottimo   c buono   c sufficiente   c scarso   c pessimo

21)  Esprima un giudizio riguardo la pulizia delle aeree di raccolta: c molto pulite c abbastanza pulite   c poco pulite   c sporche e maleodoranti Il numero è sufficiente? c si c no

22)  Cosa ne pensa della situazione igienica della città nel complesso per quanto riguarda i rifiuti?

c ottima   c buona   c sufficiente   c scarsa   c pessima

23)  Nel complesso oggi, rispetto a qualche anno fa, le sembra che il servizio di raccolta e spazzamento sia: cpeggiore   c uguale   c migliore

24)  Cosa si aspetta dalla Raccolta Differenziata? c nulla   c un futuro migliore per l’ambiente   c meno tasse sui rifiuti   c altro (specificare: _____________________________________________)

25)  Ritiene che una campagna per l’incentivazione e utilizzo di prodotti riutilizzabili e meno inquinanti (ricarica dei contenitori dei detersivi, buste di carta piuttosto che di plastica, etc.) possa invogliare a differenziare? c sì, certamente c solo poche persone   c no

26)  Immagini di poter scegliere il tipo di raccolta: quale preferisce? c ritiro domiciliare c cassonetti

27)  Lei è favorevole all’eliminazione dei cassonetti stradali? c sì   c no

28)  Ritiene che una maggiore informazione su dove e come i rifiuti vengono riciclati aumenterebbe l’impegno nei cittadini? c sì senza dubbio   c abbastanza   c per niente

29)  Come crede si possano incentivare i cittadini ad effettuare la Raccolta Differenziata ? (In caso di più risposte, ordinarle secondo importanza)

        c Eliminando i cassonetti stradali 

        c applicando uno sconto sulla tassa rifiuti in relazione alla percentuale della propria raccolta differenziata

        c con una campagna informativa incisiva

        c con la minaccia di costruire un nuovo inceneritore

        c con delle sanzioni pecuniarie per chi non la fa

30)  Sa cosa è la T.I.A.(tariffa di igiene urbana)? c sì   c no 

31)  Sa che a breve verrà pubblicato il nuovo capitolato d’appalto sulla gestione dei Rifiuti Solidi Urbani ? c sì   c no

32)  Crede che la cittadinanza debba partecipare alla stesura del suddetto capitolato d’appalto? c sì   c no

Se sì, come? c forum tematici pubblici   c questionari di questo tipo c altro_______________________

33)  Prima di salutarla, le chiedo se ha qualche suggerimento da darci: ______________________________________________

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________La ringrazio ancora della sua disponibilità a nome del Comune di Acquaviva delle Fonti.

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI