Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

TERZO APPUNTAMENTO CON CERCASI UN FINE

Foto0018

Docente di Comunicazione Politica e di Sociologia della comunicazione presso la facoltà di Scienze Politiche della LUISS “Guido Carli” di Roma, ma soprattutto “un ricercatore fortunato, perché faccio l’unica cosa che so fare e cerco di mettere a disposizione degli altri le mie ricerche”, si definisce così Michele Sorice, il relatore del terzo seminario di studio organizzato dall’Associazione culturale Cercasi un fine, tenutosi ieri pomeriggio presso il Polo Universitario ex Ospedale Collone ad Acquaviva.

Il convegno, dal tema “La politica comunicata: tv, giornali e web alla prova del consenso”, ha visto, come ormai nello stile dell’associazione, un’organizzazione impeccabile e un grande successo di pubblico.

Foto0019

Anche per questo terzo appuntamento, per permettere a tutti di ascoltare comodamente il relatore e per l’insufficiente capienza della sala grande, è stata allestita un’altra aula dove poter seguire la “lezione” trasmessa in diretta su un maxi schermo.

Tanti i temi trattati dal prof. Sorice, ma in particolare è partito dalla spiegazione del termine comunicazione visto sia come trasmissione di notizie, di dati, relazione obbligata, che come logica del dialogo, per poter più facilmente definire il concetto di comunicazione politica.

Ha poi, in seguito fatto una distinzione tra quella che era la comunicazione politica prima e come si è trasformata nella civiltà contemporanea, spiegando che “la comunicazione politica ci penetra, fa parte della nostra appartenenza ad un gruppo sociale, invece la comunicazione elettorale è finalizzata al raggiungimento del consenso, mira a spostare il consenso su un’idea o sull’altra come per le campagne elettorali, con un inizio e una fine ben precisi. Oggi invece, siamo in campagna elettorale permanente con una attenuazione delle differenze temporali, infatti la comunicazione elettorale di sovrappone alla comunicazione politica diventando una grande melassa senza inizio né fine”.

Con linguaggio semplice e molto “comunicativo” e con qualche battuta politica, per rimanere in tema, ha spiegato anche l’evoluzione del modo di fare le campagne elettorali e l’evoluzione della propaganda politica, per concludere con la proiezione di alcuni manifesti politici recenti e non, che hanno sollecitato il riso del pubblico in sala.

Commenti  

 
#1 cittadino 2011-03-13 23:16
Cercasi un fine è davvero una splendida associazione con splendide persone, e fanno cose lodevolissime!
Bravi, continuate così!!!
Consiglio a chi non ha ancora partecipato ad uno dei loro seminari, ad andarci alla prima occasione: sono straordinari!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI