Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

"OBBLIGHI PER PROPRIETARI E DETENTORI DI CANI"

palazzo_de_mari

"Linea dura per i proprietari di cani"
 
Con l'ordinanza n. 4 del 27/01/2011, arrivano multe salatissime per l'abbandono di animali domestici, mancata custodia e mancata rimozione delle deiezioni per i proprietari che vengono sorpresi ad andare in giro senza paletta e sacchetto di plastica.

Di seguito il manifesto:

 

 

OrdinanzaDetCani

Commenti  

 
#9 LionHeart 2011-03-10 13:48
I cani , fino a prova contraria , godono Pienamente di Alcuni Diritti Civili , come quello di circolare liberamente , Riprova ne siano le centinaia di cani Senza Padrone che girano Liberi per le nostre strade ( a livello Nazionale) ;
Come può un'ordinanza , TOGLIERE , il diritto Civile dei cani a circolare liberamente ;
Se i cani rappresentasser o un pericolo Pubblico Tout Court , allora lo Stato ordinerebbe la loro soppressione ; Vero è invece che i cani ,godono Pienamente di alcuni Diritti Civili , quale è il diritto di circolazione , e il diritto di accesso a luoghi pubblici ( le strade e le piazze sono già luoghi pubblici : cosa dovrebbero fare i vigili multare i cani senza padrone?) , diritti che questa Ordinanza viola , e I Padroni Multati dovrebbero Protestare Impugnando queste multe innanzi al Giudice Civile , e sollevare la questione di Costituzionalit à , in quanto I cani sono soggetti di diritto , i cui diritti Inviolabili , non possono essere Violati .
 
 
#8 Achille 2011-03-08 14:21
Non posso che essere pienamente d'accordo con Claudio, con Cat19 e con Tonino Santamaria. Quanto a Lionheart, condivido il suo disappunto: anche mio cugino ha mandato il suo cane a fare un certificato sul Comune e non l'hanno fatto entrare! gli hanno detto che sul comune possono salire solo i ciucci!
 
 
#7 claudioD 2011-03-07 14:04
@Achille: la civiltà non nasce spontaneamente. Va indotta nelle persone con opportuni strumenti. Uno di questi è la sanzione. Inutile girarci attorno: questa ordinanza sarà inefficace perché la gente sa che portare a spasso il cane e lasciargli fare i bisognini senza poi raccogliere gli escrementi è un grave atto di inciviltà ed altrove viene sanzionato. Eppure reitera questo comportamento perché nessuno, sottolineo nessuno, gli ha mai fatto capire il contrario. Non molto tempo fa ascoltai il racconto di un acquavivese per anni vissuto in Svizzera. Lui elogiava quel Paese per il suo ordine e la sua pulizia. Non potevi, a detta sua, nemmeno pensare di buttare per terra una carta senza immaginare anche di sentire il fiato sul collo di chi ti stava attorno. Ed in effetti gli altri cittadini sono la prima e più importante forma di vigilanza sull'operato degli altri. La loro stigmatizzazion e sugli atti d'inciviltà vale come una multa.
Ognuno di noi conosce le regole del vivere civile, eppure ogni giorno si guarda attorno e verifica se è in atto un apparato sanzionatorio che effettivamente punisce i trasgressori. Se esco e vedo continuamente macchine in doppia fila, materassi e televisori abbandonati per strada, cacche dei cani dappertutto e qualcuno che senza un giusto motivo salta la coda dei pazienti in attesa di essere ricevuti dal medico curante, mi rendo conto che quei precetti di civiltà sono solo vuota retorica. E la inciviltà è contagiosa perché, ammettiamolo, il suo opposto ci costringe a non essere pigri, a fregarcene degli altri anche quando non vorremmo. Ed alla fine anche io mi concederò al vizio della inciviltà. E qui c'è l'elemento più drammatico della vicenda: l'inciviltà genera altra inciviltà e la peggiora. Guardando tutto questo schifo e sapendo che non viene mai sanzionato, anche io mi concedo un mio vizio. Magari imbratto con lo spray un edificio. Aggiungo alla casistica della inciviltà un altro esempio d'inciviltà. E quando un'altra persona uscirà per strada e si guarderà attorno seguirà molto probabilmente la mia stessa linea di pensiero. E quando uno dei due sarà beccato in flagranza da qualche cittadino benpensante, potremo dire che in giro si vede anche di peggio, che gli altri fanno questo ed altro. La migliore autoassoluzione possibile.
In passato alcuni sindaci si sono posti il problema di eliminare questa inciviltà. Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York, ad esempio. Seguendo la linea teorica del "broken window effect" diede mandato alla polizia di sanzionare pesantemente tutti quegli atti di criminalità minuta che affliggevano la sua metropoli e, statistiche alla mano, ebbe successo.
 
 
#6 Achille 2011-03-06 20:54
L'Ordinanza c'è. I vigili urbani, pure. E' l'educazione e la civiltà dei proprietari dei cani che non c'è!
E' il rispetto per gli altri che i proprietari dei cani non hanno!
Per esempio, c'è una signora che addirittura ha una bottega per la pulizia e la rasatura dei cani nei pressi della scuola elementare De Amicis. Ebbene, questa signora porta a spasso i suoi cani e, tranquillamente , usa le aiuole di fronte all'ingresso ovest della scuola come cesso pubblico per cani all'aperto! E' la stessa cosa dei titolari delle autoscuole di Acquaviva che tranquillamente parcheggiano in curva, o in doppia fila, o comunque in divieto di sosta. Ancora una volta lo scrivo: E' INUTILE PRENDERSELA CON L'AMMINISTRAZIO NE O CON I VIGILI URBANI CHE NON POSSONO STARE AD OGNI ANGOLO DI STRADA! Certo, i Vigili di Acquaviva non è che siano il massimo, ma è sempre lì il problema: manca l'educazione. Acquaviva è un paese incivile!!!
 
 
#5 vox 2011-03-06 14:51
Bravo Santamaria ex Amministratore. L'Ordinanza Sindacale non produce alcun effetto positivo quando è assente l'organo deputato al controllo del rispetto dell'Ordinanza, perciò i comportamenti incivili continueranno a calpestare le regole.Le strade sono sporche e sconnesse. Svegliamoci gente!!
 
 
#4 buc 2011-03-06 11:15
e perchè i cani non possono entrare negli edifici comunali?
 
 
#3 Lionheart 2011-03-05 18:46
Questa ordinanza riproduce parzialmente il contenuto dell'art 727 del codice penale ; può un cittadino essere punito due volte per lo stesso Fatto ? Credo di no.
Inoltre questa ordinanza è grandemente contraddittoria , e riduce i diritti dei cani :
da un lato li si tutela e dall'altro li si tratta come Mostri , impedendogli l'accesso a Strutture Pubbliche ,di proprietà di tutti i cittadini ; questa parte dell'ordinanza citata pocanzi rappresenta un regressione culturale della concezione dei Cani .
 
 
#2 cat19 2011-03-05 17:02
FATE RISPETTARE L'ORDINANZA! FATELA RISPETTARE A TUTTI I COSTI! SIAMO STANCHI NOI CITTADINI DI VEDERE "INSULTATI" I CANI PER COLPA DEI PADRONI SPORCACCIONI. UNA MULTA AL GIORNO, PER OGNI TRASGRESSORE, TOGLIE DI MEZZO, PER SEMPRE, LA SPORCIZIA NELLA STRADA. PREVENZIONE SI', MA ANCHE E SOPRATTUTTO PUNIZIONE PER I CRONICI TRASGRESSORI.
 
 
#1 Tonino Santamaria 2011-03-05 12:28
Negli anni, le Ordinanze Sindacali, sono state ripetute ma non hanno risolto il problema: chi deve far rispettare l'Ordinanza? Certamente non gli Amministratori, ma non mi risulta ci siano mai state prese di posizioni al riguardo. Vedere quello che succede, tutte le mattine per le strade del Centro Storico, è a dir poco stomachevole e che costringe i cittadini a guardare a terra per evitare spiacevoli inconvenienti. Viva gli animali, meno certi padroni.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI