Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

CULTURA ED AMBIENTE A LAVORO….

consulta_acquaviva_1

Comincia nell’ala Nord di Palazzo de Mari la nuova avventura della consulta Ambiente e Cultura della nostra Acquaviva, la prima convocazione dal dopo elezioni interne servite a strutturarla. Nonostante qualche difetto di convocazione, dovuto al malfunzionamento dei sistemi di comunicazione comunali, la presenza dei rappresentanti delle associazioni culturali è stata cospicua e vogliosa di confronto. Degno di nota la presenza di molti giovani che, da tempo oramai, sono in prima linea per favorire il cambiamento di rotta delle dinamiche culturali della nostra cittadina.

Di certo i punti all’ordine del giorno non erano di poco conto: 1 Intervento del comitato “Murgiaviva” inerente la presentazione del progetto parco eolico territori di Acquaviva delle Fonti e Cassano delle Murge 2 Osservazioni e nuove proposte inerenti i regolamenti per la concessione e l’uso della sala conferenze e regolamento per la concessione di sovvenzionamenti e patrocini 3 Discussione proposte attività riguardanti il nuovo contratto di appalto del servizio nettezza urbana 4 Proposta per l’apertura della biblioteca comunale durante i cinque giorni feriali della settimana 5 Programmazione attività 2011 inerenti la consulta e le singole associazioni.

Il presidente Domenico Ieva ha subito dato la parola all’Arch. Mauro Guaricci, componente del comitato Murgiaviva il quale ha spiegato alla platea le motivazioni della nascita del comitato in parallelo con la presentazione da parte di Enel Green Power, la controllata del colosso Enel che si occupa delle energie cosiddette rinnovabili, di due progetti di parco eolico che interessano le aree di Cassano delle Murge e di Acquaviva.

Murgiaviva si occupa di informare la cittadinanza di alcune eventualità di impatto ambientale che questi parchi eolici, nel caso in cui l’ente provincia dovesse dare il placet per l’attuazione, possono riverberare sulla cittadinanza e sul nostro territorio: cambiamento inevitabile dell’avifauna, rischio geologico, cambiamenti di rotta di alcune falde freatiche; forti modifiche di carattere urbanistico necessarie alla costruzione dei parchi ed alla istallazione delle pale eoliche tra le più grandi in costruzione (oltre 100 Mt di altezza) sono di sicuro, a detta del comitato, argomenti che vanno approfonditi con l’ausilio di competenze professionali adeguate ed in tempi oramai strettissimi. In merito ai progetti, mancano poco meno di tre settimane al verdetto di parere dell’ ente  provincia. Nel caso in cui chiunque, cittadino o associazione, voglia dare il proprio apporto alla causa del comitato può farlo contattando chi ne fa parte tramite il social network  Facebook consultando la pagina del comitato “murgiaviva”.

A  causa di alcuni elementi cartacei non a disposizione e del poco tempo a disposizione avuto per la convocazione della consulta, il secondo e quinto punto all’ordine del giorno sono stati rinviati nella loro discussione a data da destinarsi.

Si è proseguito con il terzo punto all’ordine del giorno. Durante il confronto si è venuti a conoscenza della prossima apertura di uno Eco sportello con sede presso la biblioteca comunale. Il progetto, nato da una idea del WWF e della durata di 100 ore è stato reso possibile grazie ai fondi messi a disposizione nei POR 2007-2013; consisterà nella creazione di un questionario ad hoc tramite il quale i cittadini potranno dare un apporto fattivo all’indirizzo della  futura gestione dei rifiuti ad Acquaviva. Inoltre saranno avviate diverse attività ludiche rivolte ai bambini delle scuole con lo scopo di migliorare l’ educazione all’ambiente dei nostri piccoli concittadini. Inoltre, la consulta, si è organizzata in gruppi di lavoro per sfruttare al meglio il ruolo che lo Stato da alle associazioni tramite la legge 244/07 art 2 comma 461 e cioè quello di dare un indirizzo specifico alla gestione dei rifiuti. L’ obiettivo che si prefigge la consulta è quello di indirizzare il futuro soggetto gestore a creare una rete di informazione che aumenti nel breve tempo le percentuali di raccolta differenziata nel nostro paese in maniera tale da bloccare l’aumento vertiginoso della TARSU che anche questa volta subirà un sostanziale aumento a danno della cittadinanza. Infine e non in ultimo piano si è trattato il quarto punto all’O.d.G.

Per sopperire alla chiusura pomeridiana della biblioteca comunale le associazioni, durante la consulta hanno sviscerato il problema facendo proposte non certo senza responsabilità. Ad oggi la biblioteca comunale è aperta di pomeriggio solo il martedì ed il giovedì, giorni in cui il personale della PA Acquavivese fa orario pomeridiano. Affinché i cittadini Acquavivesi, ed in particolare gli studenti, possano usufruire di questo servizio per tutti e 5 i giorni feriali nelle ore pomeridiane, le associazioni si offrono di essere presenti nei tre pomeriggi di attuale vacatio del personale, in orari differenti, attraverso il principio della turnazione e disciplinandosi con un calendario da redigere mese per mese, come responsabili dell’area. Le associazioni in questa maniera potrebbero sopperire alla mancanza di sedi, onerose e proibitive per molti dei loro bilanci, organizzare le proprie assemblee nei momenti di sorveglianza dell’area e gli studenti potrebbero consultare i testi della nostra biblioteca o semplicemente utilizzare l’area come luogo di lettura.

Dopo tre ore di lavoro i primi frutti di questa consulta sembrano cominciare a prendere forma, ci auguriamo che l’attuale amministrazione e le future possano sempre più favorire i progetti e le proposte che l’associazionismo Acquavivese potrà suggerire nel tempo per riportare ai vecchi splendori la nostra città.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI