Martedì 13 Novembre 2018
   
Text Size

P. GARIBALDI, CRONISTORIA RIQUALIFICAZIONE 1° Parte

6249_1115651704552_1624767335_280466_6669086_n 

In occasione dell’inaugurazione di Piazza Garibaldi, che si svolgerà oggi pomeriggio alle ore 18.00, AcquavivaNet ha deciso di ripercorre le tappe più importanti che hanno contraddistinto i lavori di rifacimento del “Giardino Nuovo”.

L’affaire Piazza Garibaldi ha suscitato un vespaio di polemiche e contrasti. Ripercorriamo dunque le vicende.

Ottobre 2008 la giunta Pistilli delibera il progetto di riqualificazione della villa comunale. Tale opera viene finanziata tramite avanzi di amministrazioni per una cifra pari a 930 mila euro.

Il 18 5536_1126104466131_1032727712_30374945_4808376_nMaggio 2009 Acquaviva si sveglia e si ritrova una piazza completamente recintata e in pieno cantiere. Pochi sono a conoscenza del progetto di rifacimento.

Maggio è periodo pre-elettorale (elezioni provinciali). In paese si malizia sulla decisione presa dall’allora Sindaco Franco Pistilli in corsa per la quarta volta consecutiva per il seggio di Consigliere provinciale, di cantierizzare l’opera proprio in quel particolare e delicato momento.

Si mormora che un progetto della riqualificazione del giardino è visibile nel comitato elettorale dello stesso Pistilli. Esso prevede una riduzione della piazza per realizzare al centro delle due ville comunali una rotatoria.

Scoppia il caos. Si costituisce immediatamente un Comitato Cittadino in tutela della Piazza. Ne fanno parte normali cittadini, professionisti ed esponenti politici tra i quali l’attuale assessore all’Urbanistica Alberto Della Corte, l’allora consigliere di minoranza di SeL Lino Romanelli e il neo Vice-Sindaco Leonardo Mastrorocco (Idv). Il loro scopo è quello di salvaguardare il verde pubblico e capire cosa si vuole fare della villa. Si solleva ad Acquaviva una gran bagarre. Il Comitato scende in campo per bloccare i lavori in corso e rivendica a gran voce una partecipazione diretta della cittadinanza per la riqualificazione degli spazi urbani che vive quotidianamente.

Gli esponenti del Comitato poco dopo vengono a conoscenza che il Comune non aveva richiesto il parere alla Soprintendenza e protestano per il precedente abbattimento dei vecchi pini d’Aleppo e per l’illegalità dei lavori in giardino.

Intanto il 26 Giugno 2009 l’Amministrazione Pistilli si sfalda e cade.

Commenti  

 
#1 giusy_007 2011-01-05 16:01
Pistilli sarà presente stasera all'inaugurazio ne di P.zza Garibaldi?
Lui disse che sarebbe stato presente perchè il merito dei lavori a P.zza Garibaldi è tutto suo e della sua amministrazione . Se viene Pistilli penso che Squicciarini dovrebbe concedergli un po' di spazio, quanto meno un po' di riconoscenza. Dopo tutto Pistilli ha avuto il "coraggio" di spendere 930.000 di avanzo di amministrazione senza preoccuparsi d'altro. Meno male, così almeno Squicciarini ha qualcosa da inaugurare... altrimenti !!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI