Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

NATALE ACQUAVIVESE, PARLA L’AS. CARMELA CAPOZZO

P1050017  

 

Prima della pausa natalizia AcquavivaNet ha voluto incontrare l’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Acquaviva, Carmela Capozzo che in collaborazione con l’Ass. alla Cultura Francesca Pietroforte, ha regalato alla comunità acquavivese un periodo natalizio ricco di eventi inediti e davvero speciali (1° Presepe Vivente e Casa di Babbo Natale).

Abbiamo dunque conversato con l’Ass.  Capozzo, la quale con molta umanità e sentimento ci ha raccontato gli sforzi, i sacrifici e le difficoltà incontrate dall’Amministrazione Comunale per offrire al nostro paese un Natale davvero particolare e come non mai colmo di appuntamenti.

Come tutti sappiamo le casse comunali, per via del mancato rispetto del patto di stabilità 2009, non hanno avuto un ruolo decisivo nel preparare al meglio il periodo delle feste ma la quantità di risorse è ininfluente se i soldi vengono spesi in maniera inadeguata. Quest’anno poco soldi ma tanta passione e tanta voglia di creare qualcosa di nuovo, tanto spirito di collaborazione e tanta solidarietà da parte della società civile.

 “Noi dell’amministrazione- ci ha riferito Carmela Capozzo- abbiamo voluto dare un tocco di tradizionalità, di magia e di suggestione a questo paese; quindi, oltre ad addobbare a festa le strade e le piazze di Acquaviva, abbiamo pensato fin da subito di realizzare un presepe vivente in pieno centro storico (in passato sono stata protagonista del Presepe organizzato dalla parrocchia di San Francesco e conosco benissimo l’incantesimo e il fascino che può regalare la rappresentazione vivente della natività)”.

Con enfasi poi  ha proseguito il suo racconto: “nel visitare le stradine del centro storico, per scegliere il percorso in cui realizzare il presepe, ci siamo imbattuti casualmente in un antiquario; il padrone di questo antiquario, il Sig. Carlo Giampietro, ci ha gentilmente mostrato un posto che ha subito attivato la nostra fantasia. Quel luogo ci ha dato l’ispirazione e l’idea per realizzare la Casa di Babbo Natale e far vivere a tutti i bambini di Acquaviva la gioia e l’emozione di incontrare il vecchio dalla barba lunga”.

L’Assessore con molta umiltà ci ha spiegato che quest’anno a causa delle poche risorse finanziarie, ha deciso come assessorato ai servizi sociali di privilegiare i bambini “perché credo che il Natale sia la festa di tutti i fanciulli; loro più di chiunque altro devono viverla con gioia e felicità, soprattutto i bimbi che vivono in situazioni famigliari infelici hanno il diritto di vivere la magia e la suggestione del natale”.

Oltre a questa nobile e lodevole iniziativa della Casa di Babbo Natale, l’assessore ci ha confermato che al posto dei buoni pasto alle famiglie indigenti, che per le poche risorse non possono essere coperti per quest’anno, saranno donati ai genitori di queste famiglie dei regali (giocattoli) da far trovare sotto l’albero ai loro figlioletti per festeggiare con letizia e festosità questo natale e vivere assieme “l’attesa e la contentezza di scartare i doni sotto l’albero”.

Ha inoltre aggiunto con estrema soddisfazione che “grazie alla generosità del Presidente delle Opere Laiche Palatine, riusciremo a distribuire a 30 famiglie indigenti (ovviamente le situazioni più delicate) un buono da spendere presso un supermercato per l’acquisto di derrate alimentari, per far in modo di contribuire ad un felice pranzo natalizio”.

Ha concluso esternando un personale e cordiale ringraziamento a tutti i volontari che hanno contribuito a rendere speciale questo Natale, a cominciare dal sig. Giampietro, il quale a titolo completamente gratuito ha messo a disposizione una sua proprietà, si è preoccupato di allestire e di creare l’atmosfera e la scenografia adatta per rappresentare al meglio la casa di Babbo Natale per tutti i bambini. Ha ringraziato i tre volontari che hanno realizzato la prima edizione del Presepe Vivente, la sig. Mariantonietta Favia, Paride Borregine e Marino Lenoci.

Ha concluso questa interessante intervista sostenendo che “questo tipo di iniziative devono servire a dimostrare a tutta la cittadinanza che noi dell’amministrazione ci siamo, siamo sempre disponibili e recepiamo tutte le istanze e richieste che vengono dalla gente; se c’è apertura da parte delle istituzioni, se c’è volontà, se c’è collaborazione da parte di tutta la società civile, possiamo tutti insieme contribuire a creare un Acquaviva Migliore”.

Infine un “augurio di Buon Natale e felice anno nuovo a tutta la cittadinanza”.

Di seguito la Foto Gallery della Casa di Babbo Natale :

 

Commenti  

 
#2 maria antonietta 2010-12-26 14:15
Complimenti !!!! Grazie assessore Capozzo per avermi convinta!!!E' Bello vedere rinascere la nosta citta'!!! La risposta dei cittadini va' letta in mille modi!!
C'è tanta "voglia" nell'aria!!!
 
 
#1 digio 2010-12-24 13:02
complimenti per il presepe... davvero bello! quando si lavora bene i risultati si vedono!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI