Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

NATALE 2010. GLI AUGURI DI MONS. PACIELLO

mons_paciello

Natale 2010

La potenza di Roma

ti ignora,

la sapienza di Atene

ti deride,

Corinto ha paradisi di piacere,

Gerusalemme ha il suo re,

il suo Tempio, i suoi Dottori,

chi sei tu, figlio di Maria?

Che vieni a fare?

Io sono Sapienza Eterna:

porto la Verità

a chi crede di sapere.

Sono l’Amore del Padre:

insegno la Via

agli smarriti di cuore.

Sono Figlio di Dio:

dono la Vita

a chi è nella morte.

Tu, dunque, per l’uomo

che non è uomo,

ti fai uomo?

Per le Nazioni

che vendono armi

e producono uranio

ti fai Pace?

Per politici

insipienti e litigiosi,

tu, Re, ti fai servo?

Per operai agitati,

precari e disoccupati

ti fai artigiano?

Sono qui per voi,

schiavi della nausea monotona

del vostro vivere inquieto.

Sono qui, amico fedele,

compagno di viaggio,

per trarvi fuori

dal consumismo folle

di vite avvelenate.

Sono qui, primo martire,

per essere fortezza

di chi muore per la fede.

Riconosciamo che ci sei necessario

e non lo sapevamo;

abbiamo bisogno di Te

e Ti ignoriamo.

Venite a Betlemme!

Venite a me!

Sono io che sazio

ogni desiderio del cuore,

riempio di luce

gli occhi dell’anima,

apro orizzonti invisibili,

dono la gioia vera.

Solo io dò dignità

a chi ha sbagliato,

apro la mano del ricco

ricolmo di speranza

il cuore del povero.

Veramente tu solo

sei la Chiave

che rivela all’uomo

il suo mistero.

Solo in Te l’uomo

diventa uomo.

Sii Tu benedetto

nei secoli.

† Mario Paciello, Vescovo

Commenti  

 
#1 ciccio 2010-12-22 12:26
Ci ie bell...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI